"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Biblioteca degli Alberi: foto dall’alto, aprile 2018

Prima di mostrarvi le immagini dal livello strada dal cantiere della Biblioteca degli Alberi, vi volevamo mostrare questo bel reportage fotografico realizzato da Andrea Cherchi dall’Elicottero e dal Bosco Verticale.  Il parco, con ogni probabilità sarà aperto al pubblico a fine estate, anche perché, una volta terminato, ci vorrà un po’ di tempo per le autorità di fare il sopralluogo e rilasciare eventuali approvazioni per la sicurezza.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


11 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Biblioteca degli Alberi: foto dall’alto, aprile 2018

  1. Wf

    Bellissime foto .complimenti all’autore.

    Così si capisce benissimo il senso di questo nuovo quartiere e di questo nuovo parco.
    Speriamo che il bello sia contagioso e si espanda anche oltre v.m.gioia

  2. Precotto doc

    L unica nota dolente di porta nuova è il parco !!! Troppo radical chic .Fatto per guardarlo e non per divertirsi , i bambini ci potranno giocare ? La gente si potrà sdraiare , un parco tipo il Sempione non andava bene ! Quando scadrà la convezione con coima e le spese ricadranno sul comune ci sarà da ridere , uf avrai altro lavoro per denunciare il degrado di milano

    1. Anonimo

      Apocalittico.
      Anche se – come per citylife – qualche timore per cosa succederà alla fine delle convenzioni coi privati è legittimo.

  3. Precotto doc

    Non sono apocalittico , sono realista , questo tipo di parco ( per me orto botanico ) è stato imposto dalla giunta è più per fotografi che per attività di svago , secondo me le cose semplici sono le migliori , il comune non riesce a mantenere dei semplici parchi con costi ridotti , figuriamoci questo orto botanico , i nodi alla fine arrivano al pettine , qualsiasi comune deve prevedere la spesa futura è non al momento

  4. Precotto doc

    Bello è bello , ma preferisco un parco cresciuto naturale e irregolare , non le piante disposte in un perfetto cerchio a 15,6 mm di distanza proveniente dalla cima del cervino ,molto meglio bambini e ragazzi che si rincorrono e giocano

    1. Isola doc

      Non capisco perché mai i bambini non potrebbero giocare e rincorrersi in questo parco, cosa che già fanno ampiamente nelle parti di parco già aperte.

  5. Anonimo

    Anch’io non capisco, questo parco non mi sembra più complicato da manutenere di altri. L’erba c’è qua come al sempione, le aiuole ci sono qua come al sempione, i giochi per i bambini ci sono qua come al Sempione, è solo tutto disegnato in un modo più moderno, ma è anche giusto, è stato progettato in un’epoca storica diversa, non c’è niente di male ad avere parchi con un gusto più contemporaneo in città.

  6. Slaz

    è bello ma è contestabile l’uso di alberi a fusto piccolo. L’ombra da dove arriverà? Bah.

    E l’area cani? Con tanti ettari a disposizione, sarà posizionata vicino gli edifici. Una cosa imbarazzante. Con buona pace di chi subirà l’abbaio dei cani alle 7 del mattino come accade altrove.

    Per il resto è bello. Ma ci mancherebbe pur altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.