"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Torino, la città più teleriscaldata d’Italia

Siamo già la città più teleriscaldata d’Italia -e quindi anche quella che produce meno smog legato ai termosifoni-, ma entro i prossimi dieci anni questa rete, oggi lunga 900 chilometri, arriverà a coprire i tre quarti della città per un totale di 550 mila torinesi. Un investimento da 200 milioni di euro che debutterà nell’area Nord-Est della città dove si sta ipotizzando la costruzione di una caldaia di integrazione. Lo ha annunciato ieri l’amministratore delegato di Iren, Roberto Garbati, a fianco del sindaco Fassino durante la presentazione del volume «1982-2012: trent’anni di teleriscaldamento a Torino».

«Il fatto di essere tra le città più teleriscaldate d’Europa – ha detto il sindaco – comporta molti aspetti positivi sia sul fronte ambientale, sia su quello energetico ed economico con un significativo risparmio dei costi». E ha aggiunto: «Iren è un asset fondamentale dell’economia italiana, piemontese e torinese. Le scelte operate in questi anni dimostrano quanto il gruppo sia all’avanguardia nei settori dell’energia e dell’ambiente. E insieme con Iren stiamo studiando anche altre strategie per aumentare risparmio ed efficienza. La Città in qualità di principale azionista continuerà a lavorare perché Iren sia sempre più campione nazionale sul fronte delle multi-utility, un ruolo che la società ha rafforzato con la recente incorporazione di Trm e Amiat».

Emanuela Minucci
Fonte: articolo de “La Stampa web” del 1/3/2013

Posa tubazioni in uno dei corsi della città
La nuova centrale in zona Vallette
La centrale di Moncalieri

Scheda della centrale di corso Ferrucci su UrbanFile.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.