"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Rotatoria di piazza Galatea, cominciati i lavori. Alcune riflessioni

Sono cominciati i lavori di realizzazione della nuova rotatoria di piazza Galatea, a Catania, che erano stati consegnati dal Comune all’impresa nei giorni scorsi. L’intervento si annuncia nel segno del verde ma lascia qualche dubbio sugli effetti nella viabilità.

Dalle carte non si vede un chiaro dimensionamento di tutte le corsie previste per i flussi di marcia; bisognerà anche valutare l’impatto del distributore di benzina presente e considerare se il rifornimento potrà avvenire da entrambi i lati della sua banchina, come avviene attualmente, o solo sul lato nord, per lasciare sgombra la carreggiata che dovrà accogliere i flussi provenienti da entrambe le carreggiate di viale Africa.
Anche la sosta “a spina di pesce” prevista sul lato nord-ovest (di fronte ai palazzi ad angolo con viale Jonio) potrebbe creare qualche intralcio per gli spazi di manovra.

L’arredo a verde sembra invece essere l’aspetto più positivo di tutto l’intervento, ma sarà importante tener fede al progetto con la piantumazione degli alberi lungo le banchine laterali della piazza, in quanto qui il verde avrà la doppia funzione di filtro ecologico/acustico/visivo tra gli edifici e le carreggiate trafficate, nonché di ombra sui marciapiedi per i pedoni, sempre apprezzata nelle stagioni calde.

L’impianto della rotatoria non presenta elementi di pregio architettonico ma può sopperire la dotazione a verde prevista, per la quale si potrebbe pensare anche a un opportuno impianto di illuminazione dal basso. A proposito, l’analogo impianto già esistente in piazza Europa (rotatoria) deve essere ripristinato.

Sulla possibile collocazione in questo sito dello Stallone Ferito del Messina, comunque non ancora decisa, l’opinione dello scrivente è che la nuova rotatoria non sia una sede adatta, in quanto l’opera merita di potere essere vista da vicino dai visitatori e la rotatoria non si presta, come si vede dal progetto, a essere raggiunta dai pedoni.

L’attuale collocazione in piazza Vittorio Emanuele III, invece, è assolutamente adeguata, a patto che la piazza sia pedonalizzata e riqualificata.
A tal proposito va considerato il nodo del parcheggio interrato ivi precedentemente previsto. Non è ancora noto se si voglia procedere in tal senso, ma un parcheggio ipogeo di capacità limitata (per residenti e commercianti), dunque non polo di attrazione di nuovo traffico per l’utenza (la quale deve trovare possibilità di spostamento efficiente attraverso il mezzo pubblico) può essere assolutamente utile, ovviamente senza realizzazione alcuna di spazi commerciali.
Come all’estero, la presenza del parcheggio interrato non sarebbe per nulla percepita, fatto salvo il sistema di rampe di accesso/uscita. La copertura del parcheggio potrebbe così essere una bella piazza pedonale, arredata, dove lo Stallone Ferito sarebbe finalmente valorizzato ed elemento di pregio e attrazione.

Tornando a piazza Galatea, non si può non considerare il contiguo piazzale Oceania, già oggetto di attenzione da parte di questo blog. Quest’area, come evidenziato, non presenta al momento alcun impianto di illuminazione, ma l’Assessore all’Urbanistica, interpellato, ha fatto sapere che è previsto porre rimedio a questa situazione.
Allo stesso tempo, è deficitaria la dotazione di verde nelle aiuole soprastanti i locali interrati (sotto la parte meridionale del piazzale, infatti, sono presenti dei locali tecnici): non è possibile mettere a dimora, evidentemente, piante dal peso elevato quali alberi. Ma certamente cespugli, lantane (infestanti e dotate di fiori colorati), varie tipologie di piante grasse possono e devono essere collocate.

Infine, ma non certo meno importante, bisogna considerare l’eventuale passaggio lungo il viale Africa di una pista ciclabile (la quale dovrebbe poi proseguire al lungomare): la scorsa amministrazione comunale aveva annunciato come imminente l’avvio dei relativi lavori, in realtà mai cominciati.
La pista ciclabile, essenziale per i ciclisti e per la qualità della vita cittadina in generale, sarà realizzata? Se sì, come è auspicabile, il suo attraversamento dell’area di piazza Galatea/piazzale Oceania va considerato sin da adesso pianificando gli interventi, affinché poi non si debba andare a modificare quanto sta per essere oggi realizzato.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.