"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Napoli | Cupole

Il gioco è semplice. Trovate uno dei tanti punti panoramici che la città offre, individuate nel caotico e immenso panorama il particolare, riconoscetelo e raccontatelo.  Questa volta siamo saliti sui terrazzi dell’antico monastero che ospita l’università ” Suor Orsola Benincasa, la titolare di questo antico luogo.  Si trova sul corso Vittorio Emanuele, a metà tra il centro città e la collina di San Martino. La veduta, anche in una giornata di foschia dove il Vesuvio quasi scompare, sicuramente vi lascerà a bocca aperta. Dopo la forte emozione iniziale, cominciate a vedere quanto conoscete la città. Noi lo abbiamo fatto, questa volta, individuando le tantissime cupole spesso nascoste, che caratterizzano il panorama cittadino. O individuando monumenti che spiccano dal tessuto urbano e che diventano  punti di riferimento per orientarsi in un “viaggio” sulla città.

si guarda il panorama avendo alle spalle la Certosa di San Martino che domina su gran parte della città. Da un anno assieme al cuore pixellato messo in occasione del festival del bacio che spunta tra il verde.

 

si guarda dalla sinistra, lato monti , verso destra lato mare. Qui vediamo il cupolino, tutto a sinistra, dell’osservatorio astronomico a Capodimonte. Mentre a destra la Torre/palazzo Palasciano.

 

si continua sul centro storico

 

il Vesuvio coperto dalla foschia,

 

 

 

Aggiungi didascalia

 

la foschia copre anche Capri.

 

Dopo la panoramica generale andiamo nel particolare. Qui vediamo a sinistra la cupola e campanile della chiesa di Santa Maria la Nova.  al centro piazza Bovio

 

Nel dettaglio sul centro storico quei vediamo al centro in argento la cupola dello Spirito Santo. In argento a sinistra la cupola di san Giovanni Battista alle Monache. A destra ricoperta in colore scuro la cupola della Sapienza.  Dietro un viadotto della tangenziale e ancora più indietro l’aeroporto di Capodichino

 

Da sinistra qui vediamo; in nero col tamburo bianco la cupola della Pietrasanta. Subito dietro nascosta quella di Donnaregina Nuova. Andando verso destra troviamo quella dei Santi Apostili. Nascosta in verde  la cupoletta col lanternino del Purgatorio ad Arco.  Poi quella verde grande dei Girolamini, appena dopo la facciata con la cupola del Duomo. Al centro il campanile del Gesù Nuovo, A destra la torre di Santa Chiara. In basso al centro la cupole di San Nicola alla Carità

 

Al centro la chiesa di santa Chiara con appena a sinistra il suo campanile. . Da sinistra troviamo la cupola del Duomo,  poi quella di Santa Caterina a Formello. Al centro quella della Pace. Verso destra piccolina in argento quella dei Santi Filippo e Giacomo, subito dopo quella maiolicata di Donnaromita. Tutto a destra la cupola di san Giorgio Maggiore. In alto vediamo il viadotto Fenice col centro polifunzionale dietro  e il colle di Poggioreale.

 

Da sinistra  le cupola già citate dei santi Filippo e Giacomo e Donnaromita.  In nero col cupolino bianco la chiesa di san Girogio Maggiore. Al centro  vediamo quella grande dei santi Severino e Sossio con quella in verde di Monteverginella. Dietro la grande cupola dall’Annunziata. Verso destra la facciata e il campanile in restauro della chiesa di sant’Agostino alla Zecca. In basso a destra la cupola di Donnalbina.

 

nel dettaglio: In verde Monteverginella, appena dietro i Santi Severino e Sossio,  Ancora più indietro la grande cupola Vanvitelliana dell’Annunziata.  Verso destra la chiesa col campanile a torre di sant’Agostino Maggiore o alla Zecca.  Dietro le torri del Centro Direzionale

 

la stazione marittima al centro e a destra il Maschio Angioino o Castel Nuovo.

 

un primo piano la stazione Marittima

 

il Maschio Angioino con la cupola schiacciata della Sala dei Baroni. Dietro il molo Borbonico San Vincenzo.

 

La cupola e le volte della Galleria Umberto. Al centro la cupola, col particolare lanternino, di Santa Brigida.

 

La galleria a Sinistra, poi il grosso tetto di Palazzo Reale. Al centro, in bianco, il tetto del teatro san Carlo

 

Il grosso tetto del teatro San Carlo. Al centro la cupola di San Ferdinando. Verso sinistra il gruppo scultoreo che sovrasta uno degli ingressi della galleria.

 

 

La grossa cupola della chiesa di san Francesco di Paola in piazza Plebiscito. Verso destra la cupola della chiesa di santa Maria Egiziaca a Pizzofalcone

 

Nella zona “bassa” del centro storico, vediamo la cupola in argento di Donnalbina. Dietro sotto ponteggio la cupola Maiolicata di san Marcellino. Al centro verso destro col lucernaio la cupola  di san Giovanni Maggiore. Appena  dopo la cupola di particolare forma della chiesa dei santi Demetrio e Bonifacio.

 

Al centro il lanternino Maiolicato della cupola di santa Maria dell’Aiuto. In alto a sinistra la cupola maiolicata di San Pietro Martire.

 

 

 

Il porto di Napoli.  In basso in primo piano i palazzi della “city”.

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.