"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Ortica – Un murales per celebrare la musica popolare milanese

2016-04-10_Murales_Ortica_1

Dopo il decreto municipale che dava via libera alla possibilità di decorare le pareti dei rilievi ferroviari, ecco una bellissima iniziativa realizzata all’Ortica. Si tratta di un murale per celebrare la musica popolare milanese. Con i volti di Nanni Svampa, Ornella Vanoni, Enzo Jannacci, Giorgio Strehler, Dario Fo, Ivan Della Mea, Giorgio Gaber. Lo hanno realizzato gli street artist di Orticanoodles insieme ai ragazzi delle scuole sui muri di via San Faustino, all’angolo con via Rosso di San Secondo. Si chiama “Ma mì”, intervento di arte pubblica e condivisa.

Fotgramma

2016-04-10_Murales_Ortica_2 2016-04-10_Murales_Ortica_3 2016-04-10_Murales_Ortica_4 2016-04-10_Murales_Ortica_6 2016-04-10_Murales_Ortica_7 2016-04-10_Murales_Ortica_8 2016-04-10_Murales_Ortica_10, 2016-04-10_Murales_Ortica_11 2016-04-10_Murales_Ortica_12 2016-04-10_Murales_Ortica_13 2016-04-10_Murales_Ortica_14 2016-04-10_Murales_Ortica_15 2016-04-10_Murales_Ortica_16 2016-04-10_Murales_Ortica_17 Ortica_via Rosso di San Secondo

 


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Ortica – Un murales per celebrare la musica popolare milanese

  1. papoff

    bello!
    preferisco il loro lavoro in via san calimero ma anche questo merita.
    la cosa davvero importante è questa collaborazione pubblico / artista che sta regalando belle opere a milano e, si spera, qualche tag di meno.

  2. GArBa

    Lodevole iniziativa. Non posso fare a meno di pensare alla trincea delle ferrovie nord fra bovisa e cadorna che potrebbe diventare una galleria d’arte visibile ogni giorno da migliaia di persone invece che una sequela di muri imbrattati da tag.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.