"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Architettura: l’eclettismo e le case a graffiti da preservare

Recentemente lo stabile di Via Archimede 89 è stato restaurato.

Si tratta di un grazioso palazzo del primissimo Novecento in stile eclettico abbellito, come si usava fare all’epoca, con cornice e decori in cemento, mentre l’intonaco era dipinto a graffito (con riferimento al rinascimento milanese) o con motivi floreali o geometrici, un preludio dello stile liberty.

Una volta tolte le impalcature abbiamo potuto constatare che i dipinti sono spariti per regalarci una facciata più semplice.

2016-05-08_Via_Archimede_89_A

2016-05-08_Via_Archimede_89_B 2016-05-08_Via_Archimede_89_C

Ed ecco come la bella casa di Via Archimede 89 angolo Via Camillo Hajech, appariva prima del “restauro”

Palazzo_Via_Archimede_0 Palazzo_Via_Archimede_1 Palazzo_Via_Archimede_2 Palazzo_Via_Archimede_3 Palazzo_Via_Archimede_4

 

In città ci sono centinaia e migliaia di esempi simili, dove il decoro pittorico dell’originale è stato eliminato per esigenze soprattutto di costi. Un grave peccato, perché anche se non sono edifici “storici” come potrebbero esser quelli rinascimentali o barocchi – palazzi ancora integri in stile eclettico – un giorno saranno unici e preziosi. In molti casi queste decorazioni sono ancora recuperabili e andrebbero preservate.

Pensiamo che un intervento della Soprintendenza o del Comune per fare un censimento delle facciate storiche potrebbe aiutare – magari anche con la concessione di contributi – a restaurare l’edificio nel modo corretto al fine di non perdere la memoria e la cultura di un’intera epoca.

Milano è ricca di edifici costruiti con questa tecnica e li troviamo accostati a volte gli uni agli altri formando interi quartieri oppure isolati.

Una delle zone ricche di questa corrente architettonica si trova a Est, tra Corso Buenos Aires, Città Studi, Zona Risorgimento, Zona delle Regioni e Porta Vittoria, Naturalmente ne esistono altre anche ad ovest, in zona Pagano, San Pietro in Sala e Maddalena, ovvero quelle zone che si andarono a popolare e a formare a cavallo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.

Un’esempio di decoro a graffiti la casa di 

2016-05-01_Casa_Graffiti 2016-05-01_Casa_Graffiti_2

L’esempio storico di Via Castel Morrone, dove l’edificio a sinistra di Via Adelaide Ristori nella vecchia cartolina degli anni Quaranta, aveva ancora i graffiti e mentre nelle immagini attuali i graffiti si possono oramai vedere solo sulla casa di fronte.

Case a Graffito in via Castell Morrone Angolo Via Adelaide Ristori

Case a Graffito in via Castell Morrone Angolo Via Adelaide Ristori

Case a Graffito in via Castell Morrone Angolo Via Adelaide RistoriB

Particolare

Palazzo_via_Castell_Morrone_0

Le due case di Graffito di in via Castell Morrone Angolo Via Adelaide Ristori a confronto

Palazzo_via_Castell_Morrone_1

Palazzo_via_Castell_Morrone_2

Altro esempio, all’angolo tra le vie Marcona e Via Giuseppe Piolti de’ Bianchi, un tempo decorata come la casa affianco e ora colorata

Palazzo_Marcona_1

Palazzo_Marcona_2 Palazzo_Marcona_2B Palazzo_Marcona_3

 

Il palazzo di via Bixio 11 recentemente è stato restaurato e per fortuna i graffiti sono stati restaurati.

Palazzo_Bixio_1

 

 

Stessa sorte per il bel palazzo eclettico di Piazza Argentina, anch’esso restaurato recentemente e tornato magnifico come il giorno dell’inaugurazione.

Palazzo_Piazza_Argentina_1

Palazzo_Piazza_Argentina_2 Palazzo_Piazza_Argentina_2B Palazzo_Piazza_Argentina_3

Cosa succederebbe se palazzi come questo di Via Poerio 13, che ha un motivo decorativo certamente importante e complicato, diventasse liscio?

Palazzo_Poerio_1

Palazzo_Poerio_2

Ecco un altro esempio di palazzo a graffito, Via Morgagni 1, dove oramai i graffiti nella parte alta, pare siano quasi del tutto scomparsi, saranno mai più recuperabili?

Palazzo_Via_Morganti_1

Palazzo_Via_Morganti_1B

Palazzo_Via_Morganti_2

 

Palazzo_via_Archimede_7

Casa all’angolo con via Archimede

Palazzo_Via_Mameli_1

Case in via Mameli

Palazzo_Via_Sirtori_1

In Via Sirtori

Palazzo_Via_Marcona_1

in Via Marcona

Palazzo_Graffiti




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Architettura: l’eclettismo e le case a graffiti da preservare

  1. Francesco De Collibus

    Mamma mia che brutti gli abbaini nuovi in via Mameli… Solo questo sappiamo fare? Rovinare e distruggere la bellezza ereditata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.