"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Amendola – La ciclabile in via Berengario aggiornamento

2017-02-18_Amendola_Berengario_1

Ecco come si presenta la ciclabile di viale Berengario e piazza Amendola, quasi simile a come l’avevamo lasciata solo a metà gennaio.

Manca ancora il catrame rosso per delimitare la ciclabile vera e propria e l’erba nelle aiuole. Forse manca anche qualche paletto o parigina per impedire la sosta sui marciapiedi, come si vede da alcune auto e un camioncino parcheggiati dove non si dovrebbe.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Amendola – La ciclabile in via Berengario aggiornamento

  1. Anonimo

    Potete chiedere di fare qualcosa di simile in viale Monza? Fate un articolo sullo stato pietoso in cui versa quell’autostrada urbana che rende brutti tutti i quartieri a nord di Loreto?

  2. Mario

    Io ci passo spesso da quelle parti e devo dire che pur non essendo un tecnico della materia mi pare che gli spazi stradali – che in quelle zone non mancano – non siano stati stati sfruttati benissimo, anzi. Le aiuole attorno agli alberi, specialmente quando ricoperte di cemento, potevano essere ridotte lasciando spazio a ciclabili e marciapiedi. Le piste ciclabili sono ricavate in gran parte riducendo i marciapiedi, anziché la larghezza delle strade, col risultato che i marciapiedi si sono ridotti e le ciclabili sono strette. Ridurre la larghezza dalle strade sarebbe più sensato perché garantirebbe un doppio effetto: indurre un rallentamento della velocità delle auto e ricavare lo spazio necessario per bici e pedoni. Poi ci sono troppi muretti e cordoli che sono il vero terrore del ciclista. In definitiva, mi domando se un ciclista in via Monterosa che è larghissima sceglierà di pedalare in 1 metro e mezzo tra i cordoli, e le curve in prossimità degli incroci, oppure resterà sulla carreggiata principale. Fare le ciclabili strette (per di più sottraendo metri vitali ai pedoni) e poi ritrovarsi le bici in mezzo alla strada è il contrario della mobilità intelligente. Il comune ci pensi meglio quando fa questi lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.