"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Quarto Cagnino – Un nuovo ingresso alle cave

Il 10 maggio scorso è stato aperto un nuovo sentiero nel Parco delle Cave. Grazie ai lavori di Italia Nostra è ora possibile costeggiare la Cava Ongari-Cerutti da lungo tempo interdetto per pericolosità di cedimenti di terreno e per un generale degrado. Per creare il percorso sono state rimosse strutture diroccate e pericolanti, macerie, costruite nuove barriere in prossimità delle sponde più ripide e interventi sul verde. I lavori di pulizia dell’area dai rifiuti hanno interessato anche decine di volontari e sono durati circa tre anni, consentendo finalmente l’accesso al pubblico (anche se in modo “controllato”) in questa porzione del Parco delle Cave. L’area interdetta da anni si trova a nord della via Pompeo Marchesi.

L’inaugurazione del sentiero è avvenuta nel primo pomeriggio del 10 maggio alla presenza del sindaco di Milano Giuseppe Sala, dell’assessore all’urbanistica e verde Pierfrancesco Maran e del presidente del Municipio 7 Marco Bestetti.

La Cava Ongari-Cerutti con i suoi 250mila mq è una delle aree di maggiore estensione e qualità paesaggistica del Parco della Cave.

Il sentiero sarà aperto al pubblico ogni martedì dalle 9 alle 12, a partire dal 16 maggio, con i volontari del Centro Forestazione Urbana (Cfu) di Italia Nostra che, oltre a fornire informazioni sull’area, controlleranno il corretto utilizzo del verde pubblico.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.