"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | NoLo – La via e il Giardino dei Transiti

In Viale Monza, all’altezza della fermata della metro 1 Pasteur, si trova una piazzetta che non è una piazza, cioè, lo sembra ma porta il nome di via dei Transiti. Una via che unisce via Padova con viale Monza, sistemata con arredo urbano una ventina d’anni fa assieme a via Padova, oramai è un po’ datata. Qui si affaccia anche il palazzo occupato da più tempo nella storia della città, ben da 40 anni esatti, il T28.

La piazzetta senza nome ha al centro una grande aiuola con passaggio pedonale e panchine per la sosta, che di giorno e nei mesi estivi si trasforma in una pittoresca piazza di Quito. Come dicevamo l’intera piazza necessiterebbe di una rinfrescata anche per quanto riguarda il verde e le aiuole, anche perché venne realizzata con pochi soldi e un po’ si vede.

Proseguendo, la via arredata completamente, come dicevamo, secondo noi comunque avrebbe bisogno di un po’ di manutenzione, compresa la piantumazione di alberi dove mancano e dissuasori dove è possibile il parcheggio selvaggio, come succede sempre all’angolo con via Padova.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | NoLo – La via e il Giardino dei Transiti

  1. Precotto doc

    Mah !!! Come fai a commentare questo articolo , certo tutto è migliorabile , ma non puoi che finire sempre sul decoro , sappiamo tutti qual è il vero problema della piazzetta e delle vie adiacenti , chi vuol capire capisce anche con errori grammaticali

  2. PADANO.DOC

    “Ai ragione”, DEPORTAZIONI DEPORTAZIONI sensa se e sensa ma !!! ( tutti !!!!!! )
    E INDIPENDENZA sensa se e sensa ma !!!

  3. Anonimo

    Grana padano… Sei patetico.
    Chi chiede oggi (per finta) l’autonomia, sono gli stessi che guidavano Milano e la regione e il governo, quando via Padova si è trasformata, anno dopo anno, in un ghetto. Non fecero nulla… Ora dicono di essere la soluzione.
    Patetici come te

    1. Anonimo

      Peccato che i cittadini la pensino diversamente: Il Municipio 2 ha votato per un governo di CDX solo un anno fa. E sui risultati elettorali in Regione due settimane fa, credo ci sia poco da dire.

      1. Anonimo

        Sappiamo che gli elettori hanno la memoria corta… come sappiamo che chi inneggia all’intolleranza è incapace di poratre avanti un progetto… basta elencare i rislutatati da loro raggiunti sul tema della sicurezza e delle periferie… nulla a parte le ronde… che ridere, le ronde!

  4. Stefano

    Allora … innanzitutto direi che sia attenersi a commentare l’articolo … Le piante sono state ripiantumate e l’Albergo è in fase di ristrutturazione mentre per la piazzetta Transiti si parla da circa un anno di ristrutturazione .. ma nulla accade … di certo vedo solo che nessuno padano o no si impegna a dire alle persone come ci si deve comportare e come rispettare le regole (io mi reputo una persona così e so espormi): a parole tutti bravi ma nei fatti non conosco un leghista capace di dire ad un sudamericano di non pisciare all’angolo …

    1. Anonimo

      Ma quanto astio caro Stefano verso i leghisti padani xenofobi razzisti e adesso anche vigliacchi e paurosi con i piscioni sudamericani.
      A proposito ,qui razzista ti dimostri proprio tu, come se fossero solo i sudamericani ad espletare all’aperto i loro bisogni fisiologici.
      Scusa che… non sio attenersi a commentare all’articolo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.