"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Morsenchio – Cantiere di via Merezzate: marzo 2021

Mentre la prima parte del nuovo Quartiere Merezzate nel distretto di Morsenchio, è stata completata a fine 2020, simao tornati, grazie al reportage di Valter Repossi, dare un occhio come procedono le ultime case in costruzione nel quartiere di edilizia sociale.

Nella parte commerciale della torre posta a segnare l’ingresso al quartiere giungendo da via Giacomo Manzù (Santa Giulia-Rogoredo), è stato aperto da poco il supermercato di zona. Qui la nostra visita di settembre.

Percorrendo via Alberto Savinio, superata la rotonda, si giunge in via Giacomo Medici del Vascello, dove da un lato si trovano gli edifici in abbandono e dall’altro lato la parte del complesso Merezzate ancora in fase di cantiere, ormai a buon punto. Siamo all’angolo con via Eugenio Colorni.

L’intervento complessivo si compone di cinque lotti (oltre a due unità esterne all’operazione), tre dei quali oggetto di 
progettazione dello studio Beretta Associati Srl e da Mab Arquitectura, e i restanti due lotti affidati agli studi Brugellis, Di Franco, Giorgieri.

Via Merezzate, via Giacomo Manzù, Santa Giulia, Rogoredo, via Alberto Savinio, via Giacomo Medici del Vascello, via Eugenio Colorni

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


One thought on “Milano | Morsenchio – Cantiere di via Merezzate: marzo 2021

  1. Anonimo

    dei bei scatoloni…li hanno fatti anche degli stessi colori. E niente, a Milano tutto è alla moda tranne la felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.