"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Forlanini-Linate – M4 e l’ambito Est: pronta ad entrare in funzione?

Da tempo orami le tre fermate M4 dell’ambito Est della città sono praticamente pronte, ma sono ancora in attesa dei vari nulla-osta per poter entrare in funzione. Giusto un mese fa il Sindaco Beppe Sala aveva dichiarato che i lavori erano ultimati, e che mancavano le ultime autorizzazioni. Con ogni probabilità, aveva detto, potremo fare il viaggio d’inaugurazione della tratta Linate Forlanini FS (tre stazioni in tutto) entro luglio.

Le tre fermate pronte già dalla scorsa primavera, sono la stazione di Forlanini FS, Repetti (nome sostituito al posto del precedente Quartiere Forlanini) e Linate Aeroporto, poco meno di 4 chilometri in tutto, tratta che dovrebbe essere aperta per l’inaugurazione nella seconda metà del mese.

Il periodo di pre-esercizio si è concluso la scorsa settimana, coi vagoni che hanno percorso costantemente per un mese i due binari nelle due direzioni, consentendo di raccogliere i dati necessari per consentire l’apertura agli utenti. Il tutto sotto la sorveglianza della commissione ministeriale la quale dovrebbe dare il suo definitivo ok al progetto a giorni.

Dopo l’arrivo del tanto sospirato nulla osta di esercizio, sarà rivelata la data definitiva per il viaggio inaugurale (con ogni probabilità il 20 luglio prossimo).

Mentre per l’apertura al pubblico la decisione non è stata ancora presa; la pandemia ha diminuito i probabili utenti, anche se, in questi giorni, l’aerostazione di Linate pare essere ritornata in gran forma dopo il tracollo dello scorso anno, anche se per ora si attesta al 30% del traffico degli anni pre-covid.

Infatti l’attivazione e la gestione della tratta di metropolitana deve essere valutata per non rischiare di sperperare inutilmente denaro prezioso. Per giustificare la spesa sarà comunque aperto un tavolo che riunirà a breve il Comune, ATM e SEA a cui spetterà la strategia finale.

Se tutto filerà liscio, le prossime aperture saranno fino alla stazione di Dateo una prima tratta, seguita dalla successiva sino a San Babila e per il 2024 il resto della linea sino a San Cristoforo.

Stazione di Linate

Stazione Repetti

Stazione Forlanini FS

Referenze fotografiche: Skyscrapercity

Tag: via Cardinale Mezzofanti, Forlanini, Viale Corsica, M4, Metropolitana, Trasporti, via Roberto Ardigo’, Viale Forlanini, Linate, Aeroporto, Quartiere Forlanini, Via Cavriana, Via Repetti

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


15 thoughts on “Milano | Forlanini-Linate – M4 e l’ambito Est: pronta ad entrare in funzione?

  1. Anonimo

    E direttamente dal 1992 ecco a voi la metro 4.
    Dalle foto devo dire che e’ oggettivamente piu’ bello e di design il parcheggio interrato di citylife.

    1. Anonimo

      In effetti dubito che vincerà il premio Pritzker.

      E questa dovrebbe essere la stazione ‘flagship’ della linea, quella dell’aeroporto. Chissà le altre.

      Diciamo che almeno siamo mezzo gradino sopra il non-design totale della M5. Se le stazioni della M5 con le piastrelle rosa sembrano i bagni di un centro commerciale, qui almeno siamo all’entrata del supermercato.

  2. Anonimo

    E adesso aspettiamo l’immancabile commento di quello che dice “ma cosa volete, le metro servono solo a spostare le persone da A a B”…

    Pronti? 5, 4, 3, 2, 1…

  3. daniele

    Non riuscirò mai a capcitarmi di come la città che più di ogni altra in Italia rappresenta una fucina di bellezza contemporanea universalmente riconosciuta possa riuscire a produrre spazi pubblici – metrò, ma anche piazze strade – di tale povertà e miseria. Miseria delle finiture, miseria dei materiali, miseria dei complementi d’arredo, miseria illumitecnica, miseria grafica. Possibile che dell’eredità di un Noorda non resti nulla nella segnaletica? Possibile che nel 2021 in un luogo dove Fontana Arte, Flos, Artemide hanno ingaggiato i migliori progettisti di lampade siamo ancora all’illuminazione con lampade e faretti incassati a soffitto come negli anni Ottanta? Possibile che nella città di Giulio Natta sei ancora al pannello in grès? Che infinita tristezza.

    1. Wf

      A Milano sono rimasti so mediocri geometri.

      E vale anche per il privato.

      Fatti un giro dentro i mobilifici che vendono divani ad esempio.

      E dimmi che modelli vedi.

        1. Anonimo

          Bravo Maurino, tra l’altro sarebbe interessante conoscere la professione del nientologo Wf incapace di fare un ragionamento compiuto.
          Ah, Wf se cerchi un divano che possa soddisfare i tuoi gusti raffinati puoi sempre evitare di farti un giro nei “mobilifici”(da quanto non si usa questo termine?) ma puntare un po’ più in alto in qualche “show-room” ti assicuro che anche a Milano ne abbiamo.

          1. Wf

            Non sai rispondere mel merito…

            Li hai visti i divani prodotti oggi nel 2021 in Lombardonia?

            Sono la rappresentazione del design attuale di Milano e Regione.

            Non certo gli stessi dei bwi tempi andati quando esportavamo innovazione e design

            Il design milanese è morto da un pezzo

  4. Maurino

    E’ questione di gusti: a chi piace il barocco a chi il minimalismo. Io trovo che le linee 4 e 5, costruite negli anni 2010/2020 rispecchino gli stili moderni di quest’epoca. Le trovo bellissime, semplici, linde, essenziali, pulite, geometriche.
    Ognuno ha i propri gusti: a me piacciono molto di più per esempio della linea 3, che trovo la più brutta in assoluto. Ma rispecchia in pieno gli anni 80. Però io non capisco niente di architettura.

  5. Manda

    Resta di fatto l’impressione ( almeno dalle foto) che ci si sia limitati a fare il minimo sindacale per poter dire “metro”… peccato perché una stazione come Linate dovrebbe rappresentare il biglietto da visita di una città e di sicuro non mi pare faccia una gran bella figura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.