"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Cristoforo – Finalmente una piazza!

Aiuole, vialetti e alberi. Rifatto il capolinea tranviario. Realizzato un parcheggio con 123 posti auto

Si conclude l’intervento per la riqualificazione di piazzale Negrelli e via Parenzo. Il sindaco Giuseppe Sala con gli assessori Marco Granelli (Mobilità), Gabriele Rabaiotti (Lavori pubblici) e Carmela Rozza (Sicurezza) insieme all’assessore al commercio e territorio del Municipio 6 Sergio Meazzi e al delegato per le periferie Mirko Mazzali, sarà presente domani alle 19.30 per la presentazione dei lavori effettuati ai cittadini.

L’area, circa 6.750 metri quadri, era in gran parte di proprietà privata fino al 2013 quando, dopo un lungo contenzioso con i proprietari, è stata completamente acquisita dal Comune che ha così potuto dare il via alla riqualificazione di una piazza che fino a oggi era in condizioni di particolare degrado: priva di pavimentazione, percorsi pedonali indefiniti e non protetti e carente illuminazione pubblica.

Piazzale Negrelli si trova a ridosso del Naviglio Grande, vicino a via Lodovico il Moro, via Parenzo e via Ernesto Rossi e costituisce non solo un un pezzo di città da restituire ai suoi abitanti ma anche uno snodo importante d’interscambio tra Milano e i comuni di Buccinasco e Corsico, nonché capolinea della linea tranviaria 2 che la collega direttamente con il centro.

Grazie all’intervento è stato possibile riorganizzare e razionalizzare lo spazio pubblico, mantenendo la priorità del capolinea del tram 2 ma valorizzando gli spazi dedicati al verde, prevedendo vialetti pedonali delimitati da alberi che occupano oltre il 50% del nuovo piazzale e creando un’area sosta per 123 veicoli, anch’essa circondata da filari di alberi.

Gli interventi di ristrutturazione hanno migliorato l’utilizzo degli spazi di uso pubblico a vantaggio degli spostamenti pedonali, veicolari e del trasporto pubblico, garantendo maggiore fluidità dei veicoli in transito, razionalizzando le funzioni, mantenendo le condizioni di sicurezza delle stesse.

I percorsi pedonali sono connessi con la passerella pedonale sul Naviglio Grande che collega via Lodovico il Moro con l’Alzaia del Naviglio recentemente realizzata nell’ambito dei lavori effettuati durante l’Esposizione Universale.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


13 thoughts on “Milano | San Cristoforo – Finalmente una piazza!

  1. Anonimo

    Bella!

    Peccato che manchino le rastrelliere per le bici, il bikeMi e la ciclabile lungo via Parenzo per il Parco Teramo, ma speriamo le facciano più avanti.

    PS ai tempi si diceva che ci avrebbero trasferito il mercato settimanale di Via Giussani, è vero?

  2. -Ale-

    Ci sono anche gli alberi nel parcheggio!
    Dalle foto mi sembra un intervento valido.
    La grande aiuola potebbe essere il luogo dove posizionare un’opera in futuro… se non ci fossero due tradizionali pali milanesi proprio in mezzo.

    Il marciapiede lungo via Parenzo, non ha dissuasori di parcheggio? Se non ci saranno, le auto si piazzeranno sopra.

    Comunque, fossero tutte così le piazze copolinea del tram, avremmo fatto notevoli passi avanti: zona pedonale pavimentata, aiuole, alberi…

  3. Emanuele

    Effettivamente ora sarebbe il caso di vietare il parcheggio lungo via Parenzo vista l’ampia disponibilità nel piazzale. Anche perché parcheggiando lungo via Parenzo si restringe di molto la carreggiata come è avvenuto fino ad ora impedendo di posizionare due file di auto (una per svoltare verso il centro l’altra in direzione opposta) in attesa del semaforo verde che dura davvero troppo poco e crea lunghe code in certe ore.
    Vado leggermente off topic ma faccio un appunto a chi gestisce l’illuminazione della nuova passerella sul Naviglio Grande di fronte il piazzale: è quasi un anno che metà dell’illuminazione inferiore della passerella risulta spenta. Possibile che non se ne sia accorto nessuno o che non si possa risolvere? Passando qualche giorno fa ho notato che lo stesso problema lo ha anche la nuova passerella all’altezza di Via Lombardini (che è identica).

  4. Daniele

    Ci ho abitato non molto lontano negli anni 80… che dire mi ricordo come era prima: un baracchino delle angurie fatiscente in mezzo, abbandonato a se stesso.
    Tutto e’ migliorabile ma devo fare i miei complimenti veramente bravi!

  5. Anonimo

    Luigi Negrelli (quello che da il nome alla Piazza) è stato il progettista del Canale di Suez.

    Non sarebbe male commissionare un monumento e metterlo in mezzo alla Piazza (magari al posto dei numerosi pali). In fondo di fianco al Naviglio Grande il monumento se ben fatto ci starebbe benone, insomma avrebbe un senso logico.

      1. Alessandro Magno

        Concordo. Anche perché altrimenti chi sia Negrelli non lo sa nessuno.
        Evitiamo pero monumenti complessi. Un bel busto in marmo bianco o bronzo come ai vecchi tempi…

    1. Anonimo

      Han piantumato in Aprile quando era comunque già troppo caldo (ma prima stavan ancora facendo le aiuole)

      Il problema è che mentre adesso han tenuto tutto curato per non fare la brutta figura con Sindaco e Assessori all’inaugurazione, la prossima stagione il rischio che muoiano molti alberi di sete c’è (gli alberi per i primi 3/4 anni van curati, non abbandonati al sole ed alla pipì acida di cani (e umani)

  6. wf

    perchè non mettere magnolie però?
    E’un posto perfetto per le magnolie con la loro chioma ampia e ombrosa.

    Sempre questi alberelli anoressici che sono stecchini d’inverno..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.