"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Genova – Il piazzale abbandonato, quando basterebbe un po’ di manutenzione

Il piazzale della Stazione di Porta Genova è uno slargo molto ampio (circa 130 metri per 60), che funge da fulcro importante per la zona. Qui si attestano diverse linee di trasporto, urbano e suburbano. C’è la stazione ferroviaria, c’è il capolinea del tram 9 e altre due linee di tram, il 10 e il 2, oltre ad altre linee di autobus. Nonostante sia una piazza dove si riversano ogni giorno migliaia di cittadini che transitano per prendere i vari mezzi o per recarsi ai Navigli o in Via Tortona, lo stato dell’arredo urbano è disastroso.

Le foto che abbiamo raccolto per quest’articolo parlano da sole. Questo è lo stato in cui versa questo piazzale. Disordine e distruzione. Una parte pavimentata con blocchi in pietra, quelli del pavé, una parte in catrame, così mal ridotto da sembrare un campo minato. Rotaie inutilizzate che ancora intralciano i percorsi pedonali, dove per camminare uno rischia sempre di finire a terra se non presta attenzione a dove posa i piedi. Marciapiedi piccoli e attraversamenti incomprensibili, dove la gente non sa mai dove andare o mettersi.

Senza menzionare quando piove, perché il piazzale diventa un vero e proprio acquitrino.

 

Ogni angolo è un ostacolo al pedone, ma non agli automobilisti, che come si vede, non si fanno alcuno scrupolo a parcheggiare l’auto dove c’è uno spazio, ponendosi spesso d’intralcio, sempre ai pedoni.

La Stazione ferroviaria di Porta Genova, sappiamo benissimo che è destinata ad essere dismessa e riqualificata in qualcos’altro quanto prima, ma ci chiediamo ogni volta se si debba aspettare così tanto per avere una città più ordinata? Non chiediamo chissà cosa, non pretendiamo pavimenti in pietra e lampioni in stile, ma semplice manutenzione. Per quelli si può aspettare l’avvio del progetto, che sicuramente non sarà prima di cinque anni almeno. Ma nel frattempo il Comune potrebbe almeno riasfaltare questo piazzale, no?

Proviamo a fare un paragone con alcune stazioni ferroviarie di alcune città europee, come Londra, Parigi o Amsterdam, città che come diciamo spesso (a qualcuno daranno fastidio i paragoni, ma vogliamo far capire cosa intendiamo), hanno un arredo urbano anni luce migliore del nostro.

Londra e il piazzale della Stazione di King’s Cross

Stazioni minori o soprattutto frequentate da pendolari, come quella di Porta Genova e il paragone è impietoso. Anche dove non c’è arredo urbano, come per la stazione di Marylebone o Amsterdam c’è ordine.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


14 thoughts on “Milano | Porta Genova – Il piazzale abbandonato, quando basterebbe un po’ di manutenzione

  1. Konrad

    E permettetemi di aggiungere anche che è un semi-suicidio passarci in bicicletta!
    Situazione da terzo mondo senza sè e senza ma.
    Ed è così da anni.
    E’ come se la giunta milanese fosse malata di schizofrenia, da una parte i mega progetti anche ben riusciti, dall’altra la noncuranza e l’indifferenza.

  2. Konrad

    Aggiungo che anche passarci in bici è una sorta di marcia suicida.
    Ed è così da anni.
    Una vera vergogna vicino al sistema dei navigli.
    E’ come se la giunta fosse malata di schizofrenia, da una parte (mega) progetti anche ben riusciti di recupero urbano, dall’altra sciatteria e abbandono.

  3. Anonimo

    I soldi servono per riaprire i Navigli.
    Porta Genova verrà rifatta quando le ferrovie venderanno ai privati l’area dismessa. Basta menate inutili! 😉

  4. Davide

    Anonimo delle 16.20 oltre a non abitarci e a non transitarci per lavoro, non hai nemmeno letto ( o capito) l’ articolo…qui si sta parlando del piazzale antistante la stazione che non è di pertinenza delle ferrovie, bensì del comune. Una vergogna urbana che versa in questo stato pietoso dal almeno 15 anni.

    Un po come te….ignorante!!!

    1. Anonimo

      Davide dai non fare il superiore snobbone che da dell’ignorante, perche è antipatico e qui non siamo su facebook.

      La piazza verrà rifatta quando il privato che acquisterà l’area dello scalo da FS elaborerà il progetto definitivo. E questo perchè rifare una piazza senza sapere esattamente in che contesto si inserisce è un esercizio inutile ma anche perchè appena partiranno i lavori nello scalo dismesso il Comune incasserà gli oneri di urbanizzazione che servono per rifare la piazza.

      Fino ad allora andrebbe fatta manutenzione, ma i soldi non ci sono mai per queste cose (mentre si trovano per riaprire i Navigli – mio personale parere ovviamente, che capisco possa non essere condiviso. Ma la manutenzione della città fa pietà lo stesso anche se non si è d’accordo con me sui Navigli riaperti).

      Quindi dovremo aspettare che il progetto scalo Porta Genova vada avanti per vedere qualcosa di serio, sperando non ci vogliano altri 15 anni.

      Discorso simile per Via Vigevano, che doveva diventare senza auto e con carreggiate ridotte per il solo tram (lo annunciò Maran quando era ancora alla viabilità) ma anche li è tutto sospeso, immagino in attesa del progetto scalo dismesso (e relativi soldi)

  5. roberto

    a fine mese verrà chiuso il transito ai tram in Porta Genova per lavori, il tutto per una ventina di giorni. Forse una mini riqualificazione

  6. Wf

    In tutti i piazzali delle stazioni europee che avete fatto vedere non esiste uno dico uno parcheggio di sosta per le automobili.

    L’accesso alle auto cè ma solo per passaggio di carico e scarico veloce.
    È questo che fa la differenza nella progettazione.

    Mentre porta Genova è il parking privato del pizzettaro di fronte.
    Comunque è vedo i confronti fanno male a qualcuno.

    1. Anonimo

      Non credo quella piazza sia mai stata progettata: ce la siam trovata così generazione dopo generazione. Le uniche aggiunte son state le auto al posto delle carrozze a cavallo, i pali, le scritte sui muri e gli adesivi. Forse le auto son anche tutte in sosta vietata ma per vedere le strisce per terra servirebbe la datazione col carbonio 14.

      Secondo me in attesa della riqualificazione basterebbe asfaltare bene, rimuovere le stratificazioni geologiche di arredo urbano ammalorato e decrepito e mettere delle fioriere e dissuasori decenti, ma non vedo segnali in proposito. Forse fa chic camminare nello schifo e nel degrado prima di immergersi nei meravigliosi showroom della moda: il contrasto li esalta e fa molto Bronx anni ’70 (che se vuoi rivivere l’esperienza puoi farlo solo da noi)

  7. Sascha

    C’è una cosa che mi piace di questa piazza, non sembra di essere a Milano ma in una centro urbano diciamo più mediterraneo e mi dispiacerebbe che perda il suo ‘calore’ per una algida piazza mittlel-europea.

    Detto ciò, bisogna anche dire che lo stato di manutenzione di tutto l’asse via Valenza, piazzale stazione Genova, corso Cristoforo Colombo versa in uno stato pietoso, veramente indecente, considerato anche che è un punto di passaggio turistico molto importante per i Navigli e la zona Tortona.
    Insomma condivido l’idea di aspettare prima di riprogettare da capo a piedi, ma almeno il fondo stradale bisogna rifarlo entro l’estate.

  8. robi

    a fine mese per una ventina di giorni circa sospenderanno la circolazione dei tram nella piazza per lavori. Si può presumere ad un minimo di riqualificazione in vista.

  9. roberto

    a fine mese per una ventina di giorni circa sospenderanno la circolazione dei tram nella piazza per lavori. Si può presumere ad un minimo di riqualificazione in vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.