"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Portello – Milano Alta

È finalmente ufficiale: assegnato a Vitali il progetto di riqualificazione dei padiglioni 1 e 2 del Portello, l’area dell’ex Fiera di Milano. (monitorimmobiliare)

Lo stadio, tanto sperato da Fiera Milano, non si fa più al Portello pertanto i padiglioni 1 e 2 del Portello avranno un nuovo destino, non solo spazi espositivi che una volta terminati gli eventi diventano scatole vuote, ma saranno una sinergia di spazi a disposizione della città ventiquattrore al giorno. “Milano Alta” mira a diventare un innovativo polo di attrazione che avrà come obiettivo quello di ridare anima al Portello mantenendone l’identità. Anzitutto ci sarà il percorso ciclo-pedonale che metterà in contatto l’area di Tre Torri e CityLife col Portello e successivamente con il Monte Stella. Si tratta di Green Street, un percorso verdeggiante che si troverà a circa sette metri e tramite delle rampe sarà accessibile alle persone e alle biciclette, che potranno percorerlo in totale sicurezza, in sostanza dove oggi si trova la terrazza alberata dei padiglioni progettati negli anni Ottanta da Mario Bellini.

Saranno oltre 15mila metri quadrati di nuovi spazi pubblici, piazze, giardini pensili, orti divisi in sette percorsi che corrispondono a sette tipologie di esperienze differenti.

Nel nuovo polo è prevista l’introduzione di aree legate all’innovazione tecnologica con una mediateca interattiva, un tech center e un simulatore multimediale; all’entertainment e alla cultura, con un cinema4D e spazi dedicati alle performance artistiche; alla cucina e all’alimentazione grazie ad una food court con scuole di cucina internazionale, negozi con prodotti a km0, un centro di promozione delle scienze dell’alimentazione oltre che a spazi per showcooking; al benessere e allo sport grazie all’idea di dare vita ad una città del benessere; un centro del fashion & design con punti vendita concepiti come concept stores.

Questo il progetto presentato da Vitali Spa, che concorreva in gara con quello di A. C. Milan per la riqualificazione dell’area dei padiglioni della Fiera Milano. Il concept nasce da un’indagine di mercato e dalla volontà di porre al centro del progetto la persona, accompagnandola in un’esperienza unica nel suo genere dove cultura, apprendimento, benessere ed innovazione vivono in perfetto equilibrio.

I termini economici dell’accordo prevedono un canone per la concessione del Padiglione 1-2 del Portello di 1,5 mln di euro l’anno per il 2016 e il 2017 e di 3 mln a partire dal 2018.

 

Portello_milano_alta_2

 

Portello_milano_alta_0 Portello_milano_alta_6 Portello_milano_alta_1 () Portello_milano_alta_4 Portello_milano_alta_5 Portello_milano_alta_00


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | Portello – Milano Alta

  1. FABIO

    In pratica, sono prontissimo a scommettere che sarà una sorta di centro commerciale….bruttino e frequentatissimo solo dai mitici skaters, che almeno vivacizzeranno un poco una zona che stonerà con la bellezza di City-Life. La chiamano Milano- Alta….? Ma alta dove ? sette metri

  2. Adriano

    Ma scusate, ma come mai gli alberi nei rendering 3d sono così bassi?non hanno intenzione di eliminare quelli che ci sono ora. vero?

    1. papoff

      nel rendering si nota che gli alberi sono sul tetto (nuovi), dove ora ci sono i giardini pensili (nuovi anche questi) e sul marciapiede attiguo al manufatto (nuovi anch’essi).
      gli unici alberi realmente già presenti sono tra le due carreggiate e non credo proprio verranno toccati, anche perché sono fuori dal progetto.
      stando ai dati l’unico verde sacrificato (compensato ampiamente dal nuovo verde) saranno le piante dei giardini pensili.

  3. CM

    a me sembra molto meglio dello stadio. Studierei meglio il raccordo con la piazza Gino Valle, per non ridurre l’accesso a Milano Alta ad una banale rampa (pensavo a qualcosa di analogo di quello realizzato lato viale Serra).
    E poi smantellerei quell’orribile “timpano” che sovrasta l’edificio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.