"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Navigli – Lavori alla Ripa: aggiornamenti

Proseguono i lavori per la sistemazione del selciato lungo la Ripa di Porta Ticinese. Rimosse le vecchie ed inutilizzate rotaie dei tram, sono sostituite da blocchetti di pietra che riproducono il percorso della strada ferrata come voluto dalla sovrintendenza, adirittura riproposte dove i binari erano compenetrati (quasi sovrapposti). Attendiamo con trepidazione quando i lavori saranno conclusi per vedere come risolveranno i marciapiedi, se rimarranno in catrame o verranno sistemati in pietra.

 

2015-12-18_Ripa_Ticinese_1 2015-12-18_Ripa_Ticinese_2 2015-12-18_Ripa_Ticinese_3 2015-12-18_Ripa_Ticinese_4 2015-12-18_Ripa_Ticinese_5 2015-12-18_Ripa_Ticinese_6 2015-12-18_Ripa_Ticinese_7




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Zona Navigli – Lavori alla Ripa: aggiornamenti

  1. Roberto

    Quei blocchetti in cemento che ricreano il disegno dei binari non si possono davvero guardare. Come sempre la Soprintendenza interviene a sproposito richiedendo modifiche senza alcun senso. I vincoli che impone dovrebbero riguardare il ripristino dello stato dei luoghi originale come se i binari del tram appartengano da sempre alla Ripa e non siano stati inseriti in seguito per necessità di trasporto pubblico. Il bello è che quando invece servirebbe un suo intervento non fanno nulla. Senza parole.

    1. Claudio K.

      Sì, è un po’ schizofrenica. Si impunta sul ricordo dei binari del tram e vuole l’asfalto rosso dove viene tolto il pavé (nei pochi luoghi dove permette di toglierlo!!), però poi ha permesso un obbrobrio come l’ascensore piazzato proprio in mezzo a piazza Duca d’Aosta che rovina la prospettiva Art Déco della Stazione Centrale. Fosse almeno un capolavoro di design, ma è un manufatto che potrebbe stare in qualsiasi centro commerciale.

  2. Mattb1

    A me l’idea piace, certo la sovrintendenza a volte sembra non comprendere certe (teatro burri esempio più lampante) però sta volta secondo me c’ha preso, i binari fanno parte della ripa e secondo e ripropongono anche un bel disegno! ora spero che risistemino i marciapiedi in catrame con almeno della beola come in corso buenos aires e ora piazza oberdan

  3. Giovanni

    Trovo che la sostituzione dei binari con quei pezzi di pietra sia stata una giusta scelta. Il lavoro che stanno facendo è un “riposizionamento” dei blocchi di pavé, non la sostituzione del vecchio pavé con uno nuovo o proveniente da qualche altra parte.
    Non è bellissimo visivamente, ma la ricostruzione dei binari in pietra fa in modo che non rimanga quell’orrenda fessura tra i vari blocchi di pietra (come hanno fatto in Via Solferino per intenderci).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.