"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Lorenteggio – Un nuovo futuro per il Lorenteggio

Un nuovo futuro per il Lorenteggio. Comune di Milano, Regione Lombardia ed ALER hanno approvato il testo dell’Accordo di Programma per la riqualificazione sociale ed urbanistico edilizia del quartiere che nei prossimi giorni sarà ratificato dai rispettivi organismi istituzionali e che prevede investimenti complessivi per oltre 90 milioni di euro, di cui 25 milioni stanziati da Palazzo Marino.

Un programma di grande respiro innovativo e sperimentale che per la prima volta attiva azioni integrate per una vera rigenerazione urbana di un “pezzo” di città, agendo sia sulla qualità dell’abitare degli alloggi di edilizia pubblica che su un vero e proprio processo di integrazione sociale ed economica delle famiglie in difficoltà economica.

LOrenteggio_Giambellino

Gli interventi riguarderanno nel dettaglio opere di riqualificazione urbanistico-edilizia (ristrutturazione degli edifici residenziali, interventi di eco-efficientamento di edifici pubblici, sistemi di illuminazione efficienti che aumentano il grado di sicurezza) insieme ad azioni di rigenerazione del tessuto sociale (un processo di progettazione partecipata e di accompagnamento al processo di mobilità dei residenti, sostegno finanziario alle famiglie in difficoltà economica per attivare percorsi di inserimento lavorativo, avvio di imprese sociali).

“Si tratta del più importante intervento di rigenerazione urbana mai realizzato a Milano nell’ultimo decennio – afferma l’assessore alla Casa Daniela Benelli –. Un’operazione residenziale, urbanistica e sociale, che sarà realizzata grazie all’impegno congiunto e ai fondi messi a disposizione dalle diverse istituzioni. Lorenteggio è il modello di intervento in cui questa Giunta crede fortemente, tanto da avervi dato impulso garantendo da subito la disponibilità delle risorse comunali. Il ruolo e le risorse del Comune saranno fondamentali nelle opere sugli spazi comuni e nel realizzare i servizi e le azioni di inclusione sociale, sostegno allo sviluppo economico e alle categorie in difficoltà, di cui il quartiere potrà beneficiare”.

“Si tratta di una straordinaria occasione per dimostrare che si può realizzare un grande progetto urbanistico non solo nelle zone più centrali e prestigiose della città, ma anche nei tanti quartieri che, pur tra difficoltà e sofferenze, sono ricchi di idee, energie e voglia di fare da parte degli abitanti – dichiara l’assessore all’Urbanistica, Alessandro Balducci.

“In sintesi  – ha detto il Vicepresidente e Assessore alla Casa, Housing sociale, Expo 2015 e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala – si tratta di un vero e proprio laboratorio di riqualificazione della periferia, anche da un punto di vista della sinergia e complementarietà delle risorse messe a disposizione: si tratta di 55 milioni derivanti da risorse comunitarie in capo a Regione Lombardia, 5 milioni di risorse comunitarie in capo al Comune, oltre a 11,5 milioni per la opere di bonifica amianto e di piccola manutenzione in capo a Regione Lombardia e 20 milioni del bilancio comunale per la  riqualificazione di spazi pubblici“.

“Abbiamo aggiunto un ulteriore impegno finanziario – sottolinea l’Assessore all’economia di Regione Lombardia, Massimo Garavaglia – e, prendendo atto del particolare rilievo dell’intervento anche a seguito del contatto diretto avuto con i residenti nell’assemblea pubblica che si è tenuta lo scorso 25 gennaio nel quartiere, abbiamo in pochissime ore messo a disposizione il tassello mancante, ovvero i 4, 2 milioni necessari per il piano di mobilità delle famiglie senza i quali l’intera operazione avrebbe avuto difficoltà a decollare”.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Zona Lorenteggio – Un nuovo futuro per il Lorenteggio

  1. CM

    positive le azioni per le iniziative sociali, ma è sufficiente risistemare gli spazi comuni (in pratica le strade), per riqualificare un patrimonio immobiliare completamente inadeguato…?

  2. Frabregs

    Non mi pare che sia solo una ristrutturazione delle strade. Progetti sociali, ristrutturazione degli edifici, sia quelli pubblici che di edilizia sociale e rifacimento delle aree comuni. Mi sa che ne viene fuori qualcosa di buono per un quartiere che ne ha decisamente bisogno.

    Del resto sarebbe un po’ costoso rifare solo le strade per 90 milioni di euro, mancò le la arrivassero d’oro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.