"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Morivione – Il Parco delle Memorie Industriali incompleto

2010-02-25-11-51-30-3.PRU Leoni-pianta-1

2010-02-25-11-55-27-5.RU-Leoni-pianta

 

Il nostro articolo sul parco del 2014 – Qui invece alcune immagini del progetto SANAA per la Bocconi

 

Il Parco della Cultura e delle Memorie Industriali della città tra il complesso Pompeo Leoni, Morivione e la ferrovia si doveva collegare tramite un sottopasso a viale Toscana e quindi al parco Ravizza. Il progetto è del 1998 e si è sviluppato nell’area industriale una volta occupata dalle officine OM per la produzione di autocarri. Dopo tutti questi anni, il passaggio tra i due parchi ancora non esiste ed è bloccato da una rete. Il percorso, che da Via Carlo Bazzi e dalla Vettabbia permetteva una passeggiata tra le memorie della vecchia industria (sono rimasti un carroponte e la struttura coi binari) per giungere all’altezza del sottopasso che naturalmente è rimasto incompiuto.

L’accesso al Parco doveva avvenire attraverso due piazze alberate, la piazza alberata posta all’angolo tra Viale Toscana e la Vettabbia, a nord della ferrovia, e l’altra tra Via C. Bazzi e via Spadolini, che è l’unico realizzato. Entrambe le piazze dovevano essere caratterizzate da un gioco modulare di pavimentazioni, in lastre in calcestruzzo e in pietra naturale. In corrispondenza del Parco Ravizza, inoltre, vi doveva essere un collegamento centrale che conduceva, partendo dal terrazzo ubicato lungo viale Toscana, direttamente alla zona dell’anfiteatro sottostante. Attorno alla grande superficie erbosa di quest’ultimo, che si configura come declivio naturale atto a raccordare la quota del piano di calpestio di viale Toscana con i sottopassi della linea ferroviaria Milano-Mortara, trovavano ubicazione un frutteto, un’area giochi bambini, un giardino del colore ed un giardino dei “Lilium”, caratterizzato dalla presenza di particolari ombrelloni in tensostruttura a membrana, nonché il giardino dell’acqua, costituito da vasche con giochi d’acqua interattivi ed isole verdi, atto a valorizzare gli edifici ex-industriali conservati. Il tutto, come abbiamo detto, è rimasto solo nella penna e ancora oggi il declivio da viale Toscana è abbandonato e interdetto. Peccato. Speriamo, adesso che la Bocconi costruirà il nuovo Campus, finalmente si ponga rimedio a questo intoppo urbanistico.

 

2015-11-21_Industrie_0

L’area abbandonata tra i due parchi

2015-11-21_Industrie_1 2015-11-21_Industrie_2 2015-11-21_Industrie_3 2015-11-21_Industrie_4 2015-11-21_Industrie_5 2015-11-21_Industrie_6 2015-11-21_Industrie_7 2015-01-24_Industrie_Morivione_1 2015-01-24_Industrie_Morivione_2 2015-01-24_Industrie_Morivione_3 2015-01-24_Industrie_Morivione_4 2015-01-24_Industrie_Morivione_6 2015-01-24_Industrie_Morivione_7 2015-01-24_Industrie_Morivione_8 2015-01-24_Industrie_Morivione_9 2015-01-24_Industrie_Morivione_10 2015-01-24_Industrie_Morivione_11

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.