"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Darsena – Nuova vita per l’Edicola Radetzky

Sabato 23 aprile, alle ore 18.30, sarà inaugurata in viale Gorizia ‘Edicola Radetzky’, nuovo polo culturale dedicato alla città.

A seguito infatti del progetto di riqualificazione che ha interessato la Darsena, l’edicola Radetzky, da più di un secolo legata alla vita di quella zona, è stata affidata dal Comune di Milano – Consiglio di Zona 6 per quattro anni a ‘Progetto Città Ideale’, che ne ha curato il restauro per trasformarla in una sede di mostre d’arte contemporanea e altre attività culturali e, quindi, in un luogo di incontro per i cittadini.

‘Edicola Radetzky’ è stata portata a nuova vita attraverso un restauro conservativo eseguito con l’assenso della Soprintendenza ed è stata trasformata in uno spazio espositivo permanente per la creatività contemporanea, visibile 24 ore su 24.

La struttura in ferro si fa cornice, grazie alle pareti vetrate che ne percorrono l’intero perimetro, rendendola adatta alla presentazione di opere tridimensionali: uno spazio connotato ma contemporaneamente attraversabile con lo sguardo, in cui le opere possano inserirsi e partecipare alla vita della città.

“Milano è una città in costante movimento che ha recuperato negli ultimi anni aree importanti, restituendo loro una funzione nuova, come nel caso della Darsena e, ora, di questo storico, suggestivo spazio che offre uno scenario inedito per l’arte contemporanea – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –.Recuperare luoghi che hanno costruito la storia e la memoria della vita di Milano, attribuendo loro una funzione culturale precisa, è stato un obiettivo dichiarato di questa Amministrazione, che ne ha accresciuto vitalità e attrattività internazionale”.

Con la direzione artistica di Andrea Lacarpia, il primo anno di programmazione prevede una serie di esposizioni dedicate alla “rappresentazione dell’altrove”, riunite nel titolo “Prima stagione”, con gli artisti Daniele Carpi, Vincenzo Simone, Giovanni De Francesco, Jacopo Candotti, Devis Venturelli.

Nell’ambito della collaborazione con il PAC Padiglione di Arte Contemporanea, nel mese di luglio 2016 Edicola Radetzky ospiterà un’installazione legata alla mostra “Cuba. Tatuare la storia”, in programma al PAC dal 5 luglio al 12 settembre.

‘Edicola Radetzky’ è un progetto in convenzione con la Zona 6 del Comune di Milano, realizzato con il sostegno di Enel e con la collaborazione di Careof.

Siti web:

www.edicolaradetzky.it

www.progettocittaideale.com

 

2016-04-18_Edicola_Radetzky_1

2016-04-18_Edicola_Radetzky_2 2016-04-18_Edicola_Radetzky_3 2016-04-18_Edicola_Radetzky_4 2016-04-18_Edicola_Radetzky_5 2016-04-18_Edicola_Radetzky_6 2016-04-18_Edicola_Radetzky_7 2016-04-18_Edicola_Radetzky_8 2016-04-18_Edicola_Radetzky_9




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


3 thoughts on “Milano | Darsena – Nuova vita per l’Edicola Radetzky

  1. renzo

    Che vergogna.Un’edicola che è stata alla visione di centinaia di migliaia di persone per anni e anni imbrattata fino all’inverosimile (guardate su street view)e che doveva ,dico doveva, essere mantenuta pulita per default ,ora viene addirittura inaugurata e ripulita in pompa magna (elezioni vicine).Che vergogna.CHE VERGOGNA.

    1. Anonimo

      che vergogna?? Mi sembra che tu stia abusando di questa parola. Ci si doveva vergognare di come era, lasciata imbrattata per anni.. Bene che l’abbiano restaurata e che abbiano definito un uso compatibile (forse anche l’unico sensato).
      Poi sul fatto di fare o meno un’inaugurazione non mi esprimo..
      Stes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.