"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cordusio – Un progetto per Broletto 16

Prosegue il rinnovo nell’area del Cordusio.

Uno dei palazzi più brutti del Cordusio, ovviamente a nostro parere, sta per cambiare aspetto

Abbiamo trovato un progetto che potrebbe dare un nuovo aspetto, più gradevole a questo stabile al civico in via Broletto 16 costruito probabilmente negli anni Sessanta ad uso uffici.

Dobbiamo dire che la riqualificazione proposta dallo studio MCM Architetti ci piace molto e alleggerisce, oltre a rendere più moderno e interessante, questo palazzo incastrato tra un edificio di edilizia popolare del Settecento e un più recente edificio del primo Novecento.

2016_Broletto_16_C 2016_Broletto_16_B 2016_Broletto_16_A

Ecco i rendering di MCM

2097_Invesco_003-copia

Le viste dall’alto che mostrano la posizione rispetto a piazza Cordusio.

2092_Invesco_002 copia 2091_Invesco_001 copia

2098_Invesco_004-copia Broletto1 Broletto2 2099_Invesco_005-copia




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Cordusio – Un progetto per Broletto 16

  1. Davide V.

    Ennesimo scatolone di vetro? Ormai tutte le riqualificazioni di palazzi per uffici degli ultimi anni producono sempre lo stesso risultato. La città si sta riempiendo di palazzi fotocopia che probabilmente tra 10/20 saranno passati di moda e risulteranno nuovamente ‘sorpassati’.

  2. antonio

    Sono d’accordo con Davide. Basta vetri. Ora almeno il palazzo ha una bella facciata in pietra rosa.
    Mi sembra un progetto peggiorativo, che non dialoga con i palazzi a fianco.
    la facciata andrebbe preservata. Le poche cose di qualità degli anni 60 andrebbero Mantenute.. …

  3. robertoq

    Adesso sembra decente perché è nuovo e quindi sembra di poter dire “meglio di prima”, che è il motto della Milano di questi anni.

    Fra trent’anni sarà uno dei simboli della mania provincialotta di buttar giù tutto solo per rifarlo scopiazzando qua e la l’ultima moda, che imperava nella Milano degli anni 10 del XXI Secolo.

  4. GArBa

    pensavo di essere rimasto l’unico ad apprezzare le architetture di qualità degli anni del boom economico… bene. qui devo dire che anche l’ipotizzato restyling mi piace, ma come hanno giustamente detto gli altri commentatori, se continuiamo a cancellare le architetture di quel periodo, tra una ventina d’anni finiremo per rimpiangerle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.