"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cagnola – Il platano solitario di via Masolino da Panicale

In via Masolino da Panicale si trova, misteriosamente, un’unica pianta di platano proprio di fronte al civico 13. Qui un tempo vi era il cinema Donizetti, chiuso definitivamente nel 2001. Perché questa pianta solitaria? Forse come altre è cresciuta spontaneamente e indisturbata nel corso del tempo, non preoccupandosi del contesto, così poco ospitale (un altro esempio lo troviamo in via Gaffurio).

Via Masolino da Panicale è una via molto larga e non particolarmente trafficata: perché il Comune non pensa di risistemarla e renderla più bella piantando un doppio filare d’alberi? Così magari, il povero platano non sarà più solo.

cagnola_via-masolino-da-panicale_1 cagnola_via-masolino-da-panicale_2 cagnola_via-masolino-da-panicale_3cagnola_via-masolino-da-panicale_5

 

cagnola_via-masolino-da-panicale_4 cagnola_via-masolino-da-panicale_4b

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Cagnola – Il platano solitario di via Masolino da Panicale

  1. enrico

    Questa zona con la vicina Piazza Prealpi e il mercato comunale ha delle potenzialità. E’ un vero quartiere con al centro la piazza che se recuperata potrebbe diventare il punto di riferimento per la zona. Sicuramente ha un taglio popolare, ma si potrebbe alzare l’asticella con una serie di interventi. Speriamo che il Comune un giorno se ne renda conto. Esempi simili sono a Barcellona dove zone non centrali sono state riqualificate proprio con interventi di DEsign o mercati comunali rivisitati e trasformati in punti di aggregazione; però non si sa come Barcellona ( con il suo 20% di disoccupazione) ha i soldi per fare lavori sugli spazi pubblici e la ricca Milano ( con il suo 7,5% di disoccupazione) non ha la minima idea di cosa significhi la parola “arredo urbano”. Speriamo che Sala, visto che ha detto di volere puntare sulle zone piu’ periferiche, dimostri di sapere intervenire anche in zone non centrali con progetti di qualità. Per ora di progetti strettamente pubblici su spazi pubblici, a Milano, di design, se ne sono visti ben pochi.

  2. Mari

    Dovrebbero chiudere la piazza alle auto per un po’, eliminare un po’ di parcheggi e, come al solito, ci sarebbe la rivolta di commercianti e abitanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.