"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Niguarda: un lavoro non proprio a regola d’arte

Via Benefattori dell’Ospedale è la strada che congiunge Piazzale Nizza all’Ospedale di Niguarda.

Il tratto che va dalla piazza al ponte della ferrovia è molto frequentato dai pedoni che devono raggiungere i negozi o le fermate dei mezzi di superficie che si trovano proprio qui.

Qualche anno fa il marciapiede è stato oggetto di lavori, forse per la posa di cavi elettrici.

Come si può notare dalle immagini, la risistemazione del marciapiede dopo i lavori non è stata fatta in maniera particolarmente accurata e – proprio in prossimità della fermata del bus – si è creato questo “scalino” che rende davvero pericoloso il passaggio, specialmente in caso di pioggia o ghiaccio, sia per chi transita a piedi sia per chi – magari – spinge un passeggino o utilizza una carrozzina.

Un intervento risolutivo sarebbe auspicabile, visto che la via è percorsa quotidianamente da moltissime persone.

benefattori1

benefattori2

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


4 thoughts on “Milano | Niguarda: un lavoro non proprio a regola d’arte

  1. max.rox

    Vorrei fare notare che il dosso si è formato proprio dove c’è il percorso per non vedenti

    qst la dice lunga della sensibilità di costruttori, collaudatori e amministratori

    Per esempio, In via Serbelloni (strada di transito tra la fermata m1 di Palestro e la scuola dei ciechi) è sempre pieno di cacche di cane

    1. Claudio K.

      Mi sfugge dove stia la responsabilità di “costruttori, Collaudatori e amministratori” per le cacche di cane in via Serbelloni…

      Casomai la responsabilità sarà dei cittadini maleducati.

      1. max.rox

        In effetti la frase era formulata male.
        Volevo fare riferimento alla sensibilità di tutti (anche dei semplici cittadini) sulla tematica dei percorsi riservati ai non vedenti

  2. Anonimo

    In ogni caso chi in Comune aveva la responsabilità di controllare il lavoro eseguito, dovrebbe essere licenziato perché si tratta di segnalazioni per non vedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.