"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vercellina – Via Ariosto, sistemati aiuola e marciapiedi

2017-03-12_Ariosto_Giussano_1

Nell’enorme incrocio tra le vie Ariosto e Alberto da Giussano si trova una grande aiuola triangolare con alcuni alberi e qualche cespuglio. Fino a pochi anni fa vi erano due cabine telefoniche e un’edicola. Oggetti che, col cambiare delle abitudini dei tempi moderni, sono state eliminate. Fino a qualche mese fa la loro “traccia” era ancora presente sui marciapiedi. Finalmente il Comune le ha sistemate ridefinendo i contorni dell’aiuola e eliminando i cespugli, ricettacolo di immondizie varie. Non siamo riusciti a comprendere perché sia stato mantenuto lo spazio un tempo occupato delle cabine telefoniche, a meno che non vogliano collocarne una nuova al loro posto, fondamentalmente sempre necessaria e utile per emergenze.

Sotto due immagini che mostrano la situazione in precedenza:

Ariosto_Giussano_2

Con edicola e cabine telefoniche nel 2014

Ariosto_Giussano_1

Fino a pochi mesi fa ancora presenti i segni dell’edicola

 


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Milano | Porta Vercellina – Via Ariosto, sistemati aiuola e marciapiedi

  1. Nicola

    Bell’intervento. E immancabile un motorino parcheggiato sul marciapiede. Giusto per facilitare la vita a portatori di handicap, genitori con passeggino e chi ha mobilità ridotta. Non ho mai capito perché chi ha un motorino si sente in diritto di parcheggiarlo ovunque senza alcun rischio di essere multato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.