"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bullona – Alcuni cantieri in zona

 

Eccoci a fare un tour attorno a Piazza Gerusalemme, dove abbiamo osservato e fotografato tre cantieri per nuove costruzioni residenziali non lontani dalla piazza in zona Bullona.
Tre interventi che ricuciono, in qualche modo, il tessuto urbano altrimenti frammentato da vecchi magazzini o rimesse oramai fatiscenti e obsolete.
Il più importante, se possiamo dirlo, è quello di via Mussi 26, non tanto per chissà quale motivo, semplicemente perché si trova nel luogo più in vista.
Come avevamo già visto, qui si trovava un vecchio magazzino senza alcun valore architettonico, il rimasuglio di quando qui passava ancora la ferrovia, fino agli anni Trenta del 1900.
Dopo anni di stallo il palazzo sta crescendo, ed è già giunto al terzo piano. Purtroppo ancora non siamo riusciti a trovare alcun tipo di rendering o disegno che mostri cosa sarà realizzato. Attenderemo la sorpresa o, se scopriremo qualcosa ve lo mostreremo.

Non lontano da quel  cantiere, c’è anche il buco che si trova in via Fauchè all’angolo con via Chieti. Anche qui non siamo riusciti a trovare nulla e anzi, il cantiere è così dal 2014 quando venne demolito un brutto magazzino.

 Ultimo “cantierino” della zona è quello di via Chieti al 9, dove oramai la palazzina in costruzione è giunta alla sommità. Via Chieti è uno dei “vicoli” che caratterizzano la zona della Bullona e che sorsero lungo la strada Varesina dove sorsero piccole industrie e magazzini tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del XX Secolo.

I rendering della palazzina di via Chieti 9

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.