Milano | Musocco Certosa – Cantieri in zona via Varesina: febbraio 2024

La parte di Musocco prossima alla stazione di Milano Certosa, come abbiamo già potuto vedere, sta vedendo una trasformazione sostanziale con la rigenerazione di spazi ex-industriali che vi abbiamo già mostrato in un articolo dedicato.

Cominciamo il nostro aggiornamento da umarel con l’ormai completata riqualificazione dell’edificio di viale Espinasse 152 (l’edificio in questione si affaccia, oltre che su viale Espinasse, anche su via Zamboni e su via Varesina). Qui si trovava originariamente la Sorini e Migliavacca S.p.A. specializzata nella distribuzione di pennelli da vernici che qui si era stabilita a partire dal 1928 (oggi spostati a Garbagnate). L’immobile riqualificato non ha subito grandi modifiche rispetto alla sua forma originale. Il tetto è stato demolito e ricostruito in chiave moderna. Mentre su via Varesina è stato realizzato un nuovo blocco con vetrate e un nuovo ingresso.

Per ora non è stato diffuso il progetto, anche se si tratta di ristrutturazione con implemento di nuove parti. Il progetto architettonico è dell’Arch. Marco Claudi.

Milano – Musocco Certosa – Viale Carlo Espinasse, 152 (retro: Via Varesina davanti al 144) > ex Pennellificio > PROGETTO NON DIVULGATO (Pennellificio RE srl) (Real Step srl) (sigla nella mappa: MUS9)
(destinazione non nota) (risanamento e ristrutturazione) * (PT+1/2 piani)

  • progettista: arch. Marco Claudi @ ML Architettura
  • DL: ing. Carlo Bossi @ Studio Bossi – Pavia, PV
  • calcolatore statico: ing. Giuseppe Giunta @ GBRG Engineering srl – Zibido San Giacomo, MI
  • responsabile della sicurezza: ing. Sonia Zani @ Studio Zani – Pavia, PV
  • impresa: GEA costruzioni srl

Milano – Musocco Certosa – Via Varesina 184 > ex Sandvik – (nella mappa: MUS8)

Di fronte, su via Varesina, al civico 184, sino a due anni fa vi era un palazzo per uffici successivamente demolito. Qui vi era la sede sino a qualche anno fa, della Sandvik (ora trasferita in Via Raimondi 13, poco lontano). Per ora non è chiaro cosa venga edificato al suo posto, tuttavia un indizio da cartello ci rivela un complesso per uffici firmato dallo studio dell’Architetto Giuseppe Tortato (che in zona ha già realizzato diversi progetti, non ultimo il bellissimo Campo Base).

Nel frattempo sono in corso gli scavi e le bonifiche da ormai due anni.

Milano – Musocco Certosa – viale Espinasse 163 – SUpernova (riqualificazione) (nella mappa: MUS14)

Proseguendo lungo viale Espinasse, in direzione centro, dopo piazzale Cacciatori delle Alpi si trova un edificio anni Sessanta in totale riqualificazione.

Siamo in viale Espinasse 163, sede di Supernova. Il progetto è dell’Architetto Patrizio Antonio Cimino, che ha ridato una forma moderna a questo parallelepipedo per uffici altrimenti abbastanza anonimo. (info)

Girando verso Villapizzone troviamo altri due cantieri: via Varesina 144 e via Monte Altissimo 20.

Milano – Musocco Certosa – Via Varesina 144 (nella mappa: MUS10)

Via Varesina 144 (angolo Via Antonio Raimondi) vede la costruzione di un nuovo edificio. La committenza di Inout Spa ha affidato la progettazione agli architetti Juan Carlos Giraldo David e Maria Marseglia, ha previsto l’ampliamento e l’adeguamento di un vecchio capannone disposto lungo via Raimondi. L’edificio sarà adibito oltre che ad uffici e laboratori anche ad uso residenziale. (pannelli prefabbricati Stylcomp in cemento fotocatalitico)

Milano – Villapizzone – via Monte Altissimo 20 (nella mappa: VIL1)

Mentre il cantiere di via Monte Altissimo 20, che vede la riqualificazione di un edificio rimasto per anni completato ma vuoto.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

Via Monte Altissimo, Villapizzone, Via Console Marcello, A&F Architettura e Futuro, Musocco, Certosa, Via Varesina, Campo Base, demolizioni, Studio Tortato Architetti, Sandvik, Juan Carlos Giraldo David, Via Raimondi, via Espinasse

Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

6 commenti su “Milano | Musocco Certosa – Cantieri in zona via Varesina: febbraio 2024”

  1. La riqualificazione del quartiere (con l’auspicio che non si tratti di edilizia popolare) è meravigliosa visto la vicinanza della stupenda Certosa di Garegnano (detta anche la cappella Sistina di Milano
    Maaaaaa gli zingari che a fasi alterne occupano gli spazi sotto il cavalcavia a ridosso delle nuove case????

    Rispondi
  2. La stazione Certosa purtroppo non da prestigio e neanche un servizio efficiente per questa parte di Milano non servita dalla metropolitana. Mi auguro venga rivista la stazione Certosa che sul lato di via Varesina é assolutamente indecente.
    Infiltrazioni d’acqua, puzza di urina, ascensori fuori uso..e per coronare il tutto treni sempre in ritardo o cancellati

    Rispondi
  3. Zona DEGRATA e SCHIFOSAMENTE ABBANDONATA DAL DOPOGUERRA CIOÈ DAL 1945 dopo CRISTO….

    UNA ZONA INDECENTE CHE MI VERGOGNO DI AVERE COMPRATO CASA NEL 1971 …..

    VERGOGNOSA AMMINISTRAZIONE COMUNALE MA ANCHE VERGOGNOSA AMMINISTRAZIONE STATALE…..
    DI TUTTI I TIPI DI PARTITI CHE SI SONO SUSSEGUITI….

    UN ESEMPIO VISIBILE DI MALE GESTIONE DI QUESTO PAESE….
    ED IN PARTICOLARE DELLE PERIFERIE NELLE GRANDI CITTÀ….

    A MILANO I SUOI CITTADINI POTREBBERO CAMMINARE SU MARCIAPIEDI D’ORO ….DA TANTO RICCA CHE È ….(visto anche le tasse che pagano)….invece camminano su ESCREMENTI di ogni tipo e circondati da accattoni e da delinquenza di ogni genere…..

    COMPLIMENTI!

    Rispondi

Lascia un commento