"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Acquabella – M4, cantiere stazione Argonne: aprile 2018

Due nuove immagini dalla stazione Argonne della linea M4 in costruzione nella zona dell’Acquabella. Iniziate ormai da diverso tempo, le fermate a est della città sono le più avanzate dell’intera tratta. In questo caso si vedono le immagini delle uscite a scalinata dal piano dei mezzanini della sottostante stazione. Purtroppo le uscite da questa stazione saranno solo due, una posta sul lato nord e l’altra sul lato meridionale del viale Argonne.

Foto di Milano Trasporti.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Acquabella – M4, cantiere stazione Argonne: aprile 2018

  1. European Globetrotter

    Una proposta: per le stazioni M4 non si potrebbero riesumare i nomi tradizionali delle zone, custoditi così accuratamente da UF, invece dei soliti anonimi nomi delle vie? (scusate il bisticcio).

    Non sarebbe più bello se questa stazione si chiamasse “Acquabella” invece che “Argonne”? O che Forlanini FS si chiamasse invece Tre Ponti FS?

    Ricordo che già anni fa era stata fatta una proposta del genere, per esempio la stazione Lancetti del Passante sarebbe dovuta diventare Ghisolfa, nome storico molto caro ai milanesi DOC e non. Poi, come al solito, non se ne è fatto niente.

      1. Anonimo

        Stai sereno che la fermata padania non esisterà mai… padania che ridere!!

        Tornando alle cose utili, concordo con l’idea di utilizzare i nomi dei quartieri. L’identità dei quartieri rende più umana, attraente e vivibile la città.

        Comunque pensare a chi crede ancora nella padania è troppo divertente

    1. European Globetrotter

      Esatto, così come Porta Venezia non si chiama Oberdan e Porta Romana non si chiama Medaglie d’oro (ma in origine doveva chiamarsi proprio così)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.