"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – Corso Garibaldi 95: aggiornamento ottobre 2018

Nuovo aggiornamento alla Casa degli Artisti, il giardino “segreto” e Corso Garibaldi 95.

Habitaria Corso Garibaldi 95, è un complesso residenziale completamente nuovo, dove l’edificio ottocentesco è stato praticamente demolito e ricostruito tale e quale, o quasi, con ala posteriore formata da una torretta di dieci piani.

Recentemente il corpo “antico” è stato spacchettato, mostrando il lato un tempo cieco che affianca il vetrato palazzo d’angolo su largo La Foppa. Qui prima venivano affissi brutti cartelloni pubblicitari e ora sono state aperte grandi finestre.

Mentre sul retro, dove troneggia la nuova torre residenziale di 10 piani, pian piano vengono calate le impalcature che mostrano le facciate e le terrazze.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Porta Garibaldi – Corso Garibaldi 95: aggiornamento ottobre 2018

  1. Est71

    Che delusione, un finto “vecchia Milano” totalmente disarmonico con gli aggetti e gli allineamenti. Un edificio che non sa dove stare: un ibrido che accontenta i nostalgici meno esperti senza alcuno spessore architettonico.
    Un’ occasione persa per il già massacrato corso Garibaldi

  2. Anonimo

    Non rischia niente, non è brutto ma neanche bello, sembra sia un vecchio edificio rimodernato sia un nuovo edificio fatto in stile. E’ incolore e un po’ insipido e non disturba più di tanto l’uomo medio. Niente che possa e soprattutto minimamente voglia scrivere qualcosa di rilevante nella storia dell’Architettura meneghina.

    Ce n’è abbastanza per avere il pollice alzato della Commissione Paesaggio, i timbri su tutte le concessioni e il giusto plotone di sciurette e investitori per chiudere velocemente un buon numero di vendite.

    Benvenuti a Milano, 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.