"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – La casa dei fantasmi di via Montebello

In pieno centro storico, in via Montebello 21, si trova una semplice casa d’abitazioni ottocentesca di 4 piani con negozi, tre sole aperture per piano e un balconcino solitario al secondo piano.

Qui vi fu la sede dell’Associazione Premio Grinzane Cavour, nonché dimora dell’ex patron Giuliano Soria.

L’edificio doveva andare all’asta già nel 2010, sull’immobile legata al premio pesa una ipoteca bancaria da 1 milione e 400mila euro.

Dopo nove anni, in pratica, non è successo nulla e l’immobile pare la casa dei fantasmi, con le finestre chiuse da assi di legno e senza infissi, il bello è che siamo in pieno centro a due passi da Porta Nuova e via della Moscova.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Milano | Porta Nuova – La casa dei fantasmi di via Montebello

  1. Wf

    Ma qui ci stiamo dimenticando l’anniversario di Leonardo da Vinci a Milano!!!!

    Ueee moveeesss!!
    🤣🤣🤣👍

    Leonardo da Vinci l’ambasciatore della cultura italiana e della città di Milano Video
    „Leonardo da Vinci farà tappa a Londra, Parigi e Berlino per promuovere il palinsesto eventi di Milano

    La National Gallery a Londra (18 gennaio), poi la Gare de Lyon di Parigi (12 febbraio) e infine l’Istituto Italiano di Cultura a Berlino (25 febbraio): tre tappe che nei prossimi due mesi faranno di Leonardo da Vinci l’ambasciatore della cultura italiana e della città di Milano in Europa. Questo sarà il tour di promozione di “Milano e Leonardo 500″, il palinsesto di iniziative lungo nove mesi (da maggio 2019 a gennaio 2020) per raccontare, anche grazie alla proiezione in versione cortometraggio del film “Essere Leonardo da Vinci” di Massimiliano Finazzer Flory, la storia di Leonardo Da Vinci, a 500 anni dalla morte.
    “L’obiettivo è duplice – ha spiegato l’assessore comunale alla Cultura, Filippo Del Corno, intervenuto alla Fondazione Stelline per annunciare, insieme alla presidente PierCarla Delpiano, le tappe previste dal “viaggio” europeo -: da un lato raccontare come Milano vuole celebrare i 500 anni, dall’altro definire una volta per tutte questo genio come una proprietà di tutta l’Europa e del mondo”. Dopo il tutto esaurito della prima presentazione alla Morgan Library di New York, le aspettative ora sono molto alte e puntano a ripetere il successo che appartiene a tutti e non può essere ingabbiato da una sola identità nazionale”.
    Pittore, inventore, appassionato studioso della Natura e dei suoi misteri: la vita di uno dei più grandi artisti italiani del Rinascimento viene trasportata nel quotidiano dalla pellicola da Massimiliano Finazzer Flory. “Portare la biografia e le sue stesse parole nel cinema contemporaneo è una sfida che sarebbe piaciuta anche allo stesso Leonardo. La connessione tra arte e scienza che lui ha proposto è qualcosa di molto attuale, soprattutto oggi”, ha concluso.

    http://www.milanotoday.it/video/eventi-milano-leonardo-2019.html

  2. Renato S.

    L’occasione per accendere il faro su chi gestisce il risvolto immobiliare di fallimenti & co. E – dico inspiegabilmente perché non voglio accusare nessuno – impiega tempi biblici per vendere gli edifici, che nel frattempo si degradano e generano degrado intorno a sé.

    Non ho mai capito il cui prodest di tutto ciò. Ma visto che succede in continuazione, qualcuno che ha il suo tornaconto, e lucroso, secondo me c’è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.