"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tre Torri – Parco CityLife: gennaio 2019

Una serie di immagini che mostrano il cantiere per il Parco di CityLife e parte del parcheggio sotterraneo in fase di realizzazione nella parte settentrionale della piazza Tre Torri.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


17 thoughts on “Milano | Tre Torri – Parco CityLife: gennaio 2019

  1. Anonimo

    Dateci notizie delle fanomatiche torri 4 e 5! Perche’ in quell’angolo dove non c’e’ nulla (solo centro congressi nessuna abitazione) fanno il parco e poi le torri tutte ammassate di fronte alle case di via Domodossola e Boezio a togliere sole e aria ai residenti?

  2. Anonimo

    Un altro megaparcheggio…. fanno una delle aree pedonali piu’ grandi d’Europa e sotto una distesa di macchine su piu’ livelli!

  3. Anonimo

    Più parcheggi si costruiscono è più auto si attirano. Più auto = più traffico e peggior qualità di vita per tutti. È così semplice che anche un bonobo riuscirebbe a capirlo.

    1. Anonimo

      E’ vero solo in parte.
      Se sostituisci la possibilità di parcheggiare “aggratis” col SUV sul marciapiede e sulle aiuole tanto i vigli a milano non esistono, con un parcheggio sotterraneo a pagamento, in realtà disincentivi fortemente l’uso dell’auto. Agevolando invece chi ne ha realmente più bisogno (o è tanto fesso da volerla usare sempre e comunque ed in questo caso spremerlo un po’ come un limone non sarebbe malaccio…)

      1. Wf

        Il problema che non si blindano in marciapiedi e le aree dove non è vietato parcheggiare quindi non si riesce ad OBBLIGARE a far pagare il parcheggio sotterraneo.

        Il risultato sono parcheggi a pagamento vuoti e marciapiedi e aiuole piene.
        Perché sono gratis e facilmente raggiungibili.

        Se prima non blindiamo marciapiedi e aiuole ogni politica dei parcheggi è fallimentare e il tuo ragionamento cade nel vuoto.
        Purtroppo.

        Ed è la realtà odierna che vedi in giro.

        1. Anonimo

          Ok ma il parcheggio andava fatto adesso mentre costruiscono citylife… mica si può aspettare che il comune si svegli a comprare e far mettere iil migliaio di paracarri che servono. Che poi quanto costeranno mai… è la voglia che manca

          1. Wf

            Il parcheggio lo puoi anche fare MA per ogni parcheggio che fai dei MINARE e BLINDARE di paracarri e dissuasori tutta la zona superficiale al parcheggio.

            Nessuno vuole pagare se puo parcheggiare gratis.
            E quindi bisogna OBBLIGARE gli autodipendenti togliendo ogni tipo di SPAZIO DI MANOVRA per la sosta illegale su marciapiedi e aiuole.

            Sapere di trovare comunque un posto gratis incentiva a venire in auto.
            Avere la CERTEZZA di dover PAGARE disincentiva luso dell’auto, decongestiona la città dal traffico lasciando anche l’uso dellauto per chi ha VERAMENTE un emergenza.
            Puo benissimo pagare il parcheggio se ha un emergenza.
            Ci sonomi silos interrati.
            A pagamento.

          2. _

            Esatto ma 1) facciamoli i parcheggi e 2) blindiamole le aree dove non si deve parcheggiare.

            Se andiamo avanti a togliere parcheggi in strada, non blindare gli spazi e a non fare parcheggi sotterranei rimaniamo con tonnellate di lamiera in divieto e a starnazzare come le oche che le auto sono il cancro senza risolvere nulla…

          3. Wf

            Io cosi ci posso anche stare ma…

            Per adesso non vedo blindare neanche una zona in centralissma come ad esempio il Duomo… o aree limitrofe super centro storico..

            Finché non vedo non ci credo..
            Ripeto. Ci posso anche stare.
            Ma non vedo blindare nulla in questa città per adesso.

          4. _

            Su questo sono superdaccordo.

            Tutte le menti più raffinate ed acculturate a scannarsi per un soppalco in piazza Cordusio (orribile per carità, come centinaia di altri) e nessuno che si domandi perchè il Comune non mette paracarri e dissuasori a tappeto e alberi e verde dove adesso ci son le auto.

            Siamo proprio un paese di vecchi.

        2. Andrea

          Concordo.Se e’ consentita la sosta selvaggia e non si fanno nuove corsie preferenziali per non togliere posti auto dai viali delle circonvallazioni non si va lontano…ogni politica sui trasporti e sulla qualita’ della vita va a farsi benedire.Cito solo l’esempio della preferenziale senza cordoli di via Solari…I.cordoli non si mettono per consentire la sosta delle auto su quella che dovrebbe essere la corsia di marcia.Ricordo che nel 2009 l’unico assessore ai trasporti che sostenne un piano per le preferenziali fu silurato dalla sua stessa giunta.

        3. stefano

          il problema è ben visibile anche a poche centinaia di metri da city life, in corrispondenza della sede del milan si parcheggia impunemente anche al centro di una rotonda. naturalmente la rotonda è all’imbocco di un enorme parcheggio sottostante l’inquiestante piazza gino valle. qui sotto vi fate un’idea:
          https://www.google.com/maps/place/City+Life,+20145+Milano+MI/@45.4855456,9.1480284,226m/data=!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x4786c16d022012b5:0xc4687e6c2fe807c5!8m2!3d45.4783834!4d9.1576894

  4. Gero nimo

    Presto, presto, una raccolta di firme. Fermiamo

    “le torri tutte ammassate di fronte alle case di via Domodossola e Boezio a togliere sole e aria ai residenti”

    Ma chi scrive queste sciocchezze?

  5. Fabrizio

    Domanda, avevo letto che nel progetto Citylife era inclusa anche la riqualificazione di Via Boezio e Piazza 6 Febbraio.
    Qualcuno sa qualcosa?
    Mi sembra strano che lascino solo queste aree intorno al quartiere ridotte in questo modo. Ma tutto è possibile.

    1. Gero nimo

      E che scherzi? Ma sai che cosa costa mettere le mani sui binari Atm? Che sono matti i signori di Citylife a prendersi una grana simile?
      Un po’ di asfalto a buon mercato e pedalare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.