"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – La Corte Verde… perde i pezzi

Il bellissimo complesso residenziale della Corte Verde di Corso Como, progettato dal grande Cino Zucchi, a Porta Garibaldi, da qualche settimana è stato messo in sicurezza a causa di problemi alle facciate.

Qualche anno fa una lastra delle molte che rivestono le facciate dello stabile, si è staccata, venne subito riparata e la situazione pareva risolta. Sino all’episodio di un’altra di queste lastre di pietra artificiale (fibrocemento o Gres) caduta sul tettuccio della portineria di via Rosales 8. Ora il condominio ha fatto mettere in sicurezza il perimetro e chiamato dei tecnici che devranno verificare la staticità dei rivestimenti.

La facciata è stata realizzata come si usa ormai da diverso tempo, con un cappotto ventilato. Le piastrelle o le lastre come in questo caso, sono appese su una struttura metallica distanziate dal muro. Questo sistema garantisce una migliore coambientazione degli interni con relativi risparmi energetici.

Facciata Ventilata

Con ogni probabilità l’assestamento strutturale dell’intero edificio, come succede da secoli, ha riguardato anche la facciata che si è assestata e qualche fissaggio si è mosso, compromettendo i ganci.

L’edificio residenziale è stato inaugurato nel 2014 e secondo noi è uno dei più belli e interessanti del Progetto Garibaldi Repubblica (Porta Nuova). Speriamo risolvano il problema al più presto. Presenta una facciata continua su Via Viganò e una facciata terrazzata sulla corte con affaccio su via Rosales. Le terrazze ricordano, in versione moderna, le vecchie case di ringhiera.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.