"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona Scala – Giulio Ricordi assediato dai camion Rai

Lo avevamo già detto altre volte, ma vedere la statua di di Giulio Ricordi, editore musicale e compositore italiano assediata dai mezzi tecnici della Rai parcheggiati in largo Ghiringhelli (piccolo spazio a lato del grande Teatro della Scala) ogni volta che la Tv di Stato deve fare delle riprese televisive.

Ogni volta ci chiediamo come sia possibile che con tutte le reclamate tecnologie e innovazioni apportate al grande teatro del Piermarini, si debba ricorrere a questo sistema per realizzare delle dirette.

Fino al 2015 i mezzi venivano parcheggiati lungo il lato del teatro su via Verdi. Ma a causa del rifacimento della via con pista ciclabile, che di conseguenza ha ristretto la carreggiata, i mezzi tecnici ora vengono parcheggiati in questo spazio davanti al teatro. Quando i mezzi non sono parcheggiati, la piazza torna pedonale con le panchine, che vengono rimosse all’occorrenza. Una soluzione veramente brutta secondo noi.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


13 thoughts on “Milano | Zona Scala – Giulio Ricordi assediato dai camion Rai

  1. tatino pensabene

    come parcheggiarli nel foyer di fatto. Soluzione non solo brutta, ma idiota! Un tempo i camion venivano messi in via verdi….cosa è successo nel frattempo?

      1. Anonimo

        I camion RAI in via Verdi non possono parcheggiare per via dei lavori in corso di ampliamento della Scala e non a causa della pista ciclabile.

  2. Anonimo

    I camion della RAI ci sono anche allo stadio durante le partite. E le partite ci sono molto più spesso che le dirette della Scala.
    Quindi non so quanto sia fattibile eliminarli.

    Ma in ogni caso, non si potrebbe pensare di chiudere al traffico/ridurre la circolazione in via Verdi le 5 volte l’anno che ci son le dirette della Scala?

    1. GArBa

      si potrebbe più efficacemente attrezzare la nuova palazzina in costruzione sul retro della scala per ricoverare questi veicoli

      1. GArBa

        tra l’altro, riguardando i render diffusi da UF si nota che con la nuova palazzina l’accesso carrabile che al momento è sul retro della scala usato per portare il materiale di scena verrà ampliato. siamo sicuri che non ci stiano già pensando?

      1. Alberto Tadini

        Secondo me è una cosa che doveva essere risolta con la ristrutturazione della Scalka anni fa. A dimostrazione che molti (tutti?) gli architetti sbagliano e non vedono un metro più lontano rispetto a quello su cui stanno lavorando. Comunque i camion Rai non possono essere messi a tremenda distanza: sono come dei “camion regia” e più vicoino sono al posto dove devono lavorare meglio è. Se no, un cavo lunghissimo fino in piazza Meda?….

  3. Joe

    E secondo voi, cari amici di UF, quale sarebbe la soluzione alternativa? Troppo facile dire che una cosa è brutta e non fare proposte diverse

    1. Alberto Tadini

      Se non sbaglio, in Via Verdi stanno ristrutturando la parte “posteriore” del Teatro. Sempre a cura di Botta.
      Potrebbe essere una soluzione riuscire atrovare un posto comodo – e nascosto – per i mezzi di servizio.
      D’altronde, quando portano le scenografie in Teatro dall’Ansaldo, da dove entrano?

  4. CM

    il tema è complesso, perchè da parecchio tempo gran parte del centro storico, a partire da piazza duomo, è per buona parte dell’anno uno stage per prodotti mediatici ed eventi di massa, che indubbiamente “ingombrano”, “occupano”, “oscurano” lo spazio urbano, ma che altrettanto indubbiamente portano molti soldini nelle casse pubbliche….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.