"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Missori – Via Larga in cantiere: partono i lavori per le rotaie

Partono in questi giorni i lavori per la riqualificazione dell’asse tranviario tra via Larga e via Albricci dove saranno sostituite le rotaie del tram, saranno rifatte la pavimentazione stradale e le fermate del tram tra largo Augusto e via Sforza.

I lavori comportano temporanei disagi e il cambio di percorso delle linee che attraversano il tratto cantierizzato (tram 12, 19, 24, 27, bus 54, 60, 73 e N27, NM1, NM3). Per i dettagli sulle variazioni che riguardano i mezzi pubblici vi invitiamo a consultare il sito di Atm che sarà puntualmente aggiornato lungo tutta la durata dei lavori divisi in due tratte: dal 17 aprile all’8 maggio il cantiere riguarderà in particolare il tratto di via Larga e dal 15 maggio al 14 giugno sarà in via Albricci. I lavori tra via Albricci e via Larga rientrano nel più ampio piano di manutenzione continua di strade e linee di trasporto pubblico attuato da Comune e Atm.

Noi avremmo tanto gradito che il Comune approfittasse del cantiere di via Larga per rendere alberata (visto che vogliono piantare più alberi possibile in città) questa grande strada del centro città.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


24 thoughts on “Milano | Missori – Via Larga in cantiere: partono i lavori per le rotaie

  1. Anonimo

    Gli effetti sui mezzi pubblici sono abbastanza forti. Strano che non l’abbiano programmato per luglio e agosto.
    O addirittura per solo agosto lavorando 24/7 in fondo si tratta di cambiare 1 km di rotaie e un paio di scambi, cosa che in Cina farebbero in due settimane….

    1. Anonimo

      Caro,
      La schiavitù e la dittatura sono state abolite in Italia sai?
      Sostituisci tu il kilometruccio di rotaie e scambi in pieno centro a Milano? Dai che ti voglio vedere, tigrotto della tastiera, a cavallo di luglio e agosto.
      Sotto i marciapiedi di via Larga insistono i sottoservizi di mezzo centro o sbaglio? In due settimane riesci oltre a rifare il sedime anche a piantumare, dato che ci sei?
      Scavando, okkio però a non recidere la luce di tua nonna che abita lì sopra.
      Potresti in effetti mettere dei bonsai, in omaggio all’oriente e a chi ha il pollice verde. Bagni tu o è troppa fatica?
      Saluti

      1. Anonimo

        Spartaco.

        Il difensore dei subappatatori…

        Comunque visto che lavorare ad agosto è schiavitù, speriamo almeno facciano un lavoro decente, non come l’anno scorso in 5 Giornate

  2. Andrea

    L’asse tranviario e’ molto importante ma non funziona cosi’ com’e’!
    fermate e semafori ogni 50 metri annullano il beneficio di avere la preferenziale…Il traffico tranviario va snellito non eliminando le linee (come fatto in passato) ma dando la priorita’ semaforica e distanziando maggiormente le fermate…Non ci siamo…la gestione e’ pessima e lavori di manutenzione straordinaria senza cambi nella gestione e interventi sull’infrastruttura sono ordinaria amministrazione che non migliorera’ le scadenti.prestazioni del Tpl di superficie.

    1. Anonimo

      @ Marco : Allora goditi catrame, cemento, smog e calura d’estate in mezzo a questi vialoni con marciapiedi che si sciolgono al sole…

      1. Adriano

        Ecco che esce il meridionale che c’è in te che in realtà odi i milanesi e milano…tu vuoi trasformare milano in un paesino di provincia della terronia e noi milanesi non ci stiamo….E’ giusto mettere del verde e alberare, ma non insultare chi non la pensa come te…
        Comunque alberato è molto bello il problema qui è che siamo amministrati da gente come te che non ama questa città…qui si lavora e non si possono usare dei tram che per fare 10 km ci mettono un’ora. Quindi o mettono asservimento semaforico con frequenza da metro o i tram sono solo storia… (da due anni lo annunciano e non hanno ancora fatto un cazzo)

    2. Andy77

      Lavoro in zona e dalle sue parole desumo non abbia la minima idea di cosa voglia dire girare da Giugno ad Agosto in via Larga.
      Si fa la fine dei quattro salti in padella….
      Per non parlare d’inverno: si entra in ufficio intossicati dal traffico se non si viene arrotati da chi proviene da via Cavallotti a passo di carica….
      Alberare la zona sarebbe la soluzione migliore, magari togliendo anche il traffico veicolare a lato del tram verso corso Italia dando al corso dei marciapiedi degni di questo nome.

    1. robi

      infatti tra Missori e il Tribunale la corsia dei tram andrebbe inerbita con aiuole laterali: I bus con la M4 dovrebbero essere soppressi.

  3. Andrea

    Le ciclabili e le rastrelliere! Quando si tolgono parcheggi bisogna offrire una valida alternativa per raggiungere la zona che non può essere quella di saltellare su i rami da un albero all’altro.

  4. marco

    via larga non è fatta per essere alberata come nel rendering che avete postato

    @anonimo: se il problema è il catrame, la risposta non sono le alberature proposte nel rendering.

    @wf: finchè ci sarà gente che ragiona come lei (anzi che non sa ragionare), è meglio che lasci qta città (stupenda a mio avviso) il prima possibile, grazie

  5. Marco

    Via larga non è fatta per essere alberata come proposto nel rendering postato.

    @anonimo: se il problema fosse il catrame, la soluzione non sarebbe cmq una alberatura simile.

    @wf: il suo commento qualifica la sua persona già di
    per sé,
    Se lei considera Milano una “merda” la invito a
    lasciarla il prima possibile.

    1. Anonimo

      Solidarizzo in pieno con te Marco, questo blog e’ frequentato purtroppo da frustrati che quando non condividono un’ opinione pensano bene di ridicolizzare se non insultare.

    2. Wf

      Secondo me Marco se gente che la pensa come te se ne va via da Milano forse abbiamo una città finalmente piu verde e più bella.

      E non avremo più quelle cose che rendono “una merda” la città.
      Ossia i palazzi di grigiotopo
      Asfalto dappertutto
      E auto fin sui marciapiedi.
      E signor no su ogni progetto che mette verde e la migliora perché lo dice lui…

      Tutte cose che trasformano una bella città in una “merda”

      E questo mi fa arrabbiare proprio perché tengo a Milano e gli voglio bene.
      Molto piu di te dei tuoi supporter che la condannano ad essere brutta.

      Non funziona più il giochetto che se ami milano ti deve andare bene tutto e il contrario di tutto. Se uno ama una città la critica. Per migliorarla. Sennò non gli vuole bene veramente, ma la usa solo per fini personali.

      E si confermo che é grazie alla tua mentalità et simila che ci sono bruttezze in questa città .
      Infatti è un problema di mentalità prima che di soldi e di lavori…

      Te saludi!

      1. marco

        Forse non sono stato chiaro: ho detto via Larga alberata così come nel rendering è orrenda e via Larga non è una via fatta per essere alberata.
        Non ho detto che gli alberi in città non ci vanno.
        Scrivo in italiano o sbaglio qualcosa?
        Forse dovreste imparare a leggere e fare esercizi di comprensione al testo, poi per quanto riguarda urbanistica ed architettura, lasciamo stare che è meglio

      2. marco

        “Non funziona più il giochetto che se ami milano ti deve andare bene tutto e il contrario di tutto. Se uno ama una città la critica. Per migliorarla. Sennò non gli vuole bene veramente, ma la usa solo per fini personali.”

        ma cosa c’entra col rendering dell’alberatura di via Larga?
        fini personali?
        tutto ed il contario di tutto?
        ma di che parla?
        è in grado di contestualizzare un’osservazione?
        piu’ che di un tso , lei ha bisogno di leggere e non di scrivere a sproposito

      3. Anonimo

        Caro wf, per quanto riguarda “il giochetto che se ami Milano ti va bene tutto e il contrario di tutto” tu saresti il primatista assoluto in amore assoluto e acritico verso qualsiasi e scarso operato dei tuoi amici in giunta. Poi conta fino a cento prima di parlare di TSO…

  6. Adriano

    Secondo me è un ennesima occasione sprecata da questa giunta che non è in grado di coordinare minimamente i lavori. Quando si fa una ristrutturazione così, bisogna pensare a tutte le cose che si potrebbero fare nella via e non solo rifaccio le rotaie.

    Bisogna ristrutturare i sottoservizi in modo che siano all’interno di canali fissi di cemento e non dentro la terra come succede adesso, poi mettere degli alberi è doveroso magari non così grandi come nei vostri rendering e inoltre fare il piano dei tram in prato anzichè in cemento. Tutto questo va coordinato e gestito, invece qui si preferisce fare tutto dividendo competenze e non rifacendo le cose bene come hanno fatto in piazza 5 giornate una scarpa e una ciabatta con pressapochismo e menefreghismo per la piazza e per la città.
    Peccato avere degli assessori incapaci e incompetenti che non conoscono la città e non sono in grado di valorizzarla.

    QUANDO VI CANDIDATE VOI DI URBAN FILE????
    Mi raccomando mai con il PD, direi una lista civica, poi vediamo con chi coalizzarci.

    1. Andy77

      Pensa che smacco se poi quelli di UF son tesserati PD per giunta renziani 😀 😀 😀
      Perché la devi buttare in politica? Cosa hanno fatto di mirabolante nei vent’anni prima senza appioppare debiti in stile Roma?
      Purtroppo l’amministrazione comunale Milanese non ha mai avuto sensibilità nello scegliere l’arredo urbano e non si è mai voluto sfruttare il sottosuolo al motto (molto milanese) chi se ne frega dell’estetica? L’importante è che funzioni con minima spesa massima resa…
      Il COCIS si era offerto gratuitamente di effettuare lo studio e la progettazione dei tunnel tecnologici sotto la prima giunta Albertini ma mi pare non ci sia ancora niente, è un peccato perché se molte cose fossero interrate a fronte di un forte costo iniziale si avrebbero dei vantaggi nella manutenzione ed estensione dei servizi, non solo utenze ma ance le circolari e strade di scorrimento.
      Forse la posto del prato sarebbe meglio usare i green block: si permetterebbe l’agibilità della corsia preferenziale mantenendo permeabilità del suolo evitando l’effetto isola di calore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.