"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Babila – Il Garage Traversi: ecco come sarà

Dopo anni d’attesa, il progetto di riqualificazione e rinascita sotto un altro futuro per il Garage Traversi è avviato orai da mesi. Del progetto si parla infatti dal 2003, quando l’edificio chiuse i battenti: da allora pareva abbandonato o quasi, ad eccezione del piano terra che, vista la zona, era utilizzato come spazio per negozi temporanei di abbigliamento. Lo scorso anno era stato rilevato da Invesco Re, dal fondo di private Equity Hayrish.

Pareti vetrate, terrazzi, marchi di fascia alta. In cambio dell’opera, Invesco realizzerà una piscina coperta in un’area comunale in via Fatebenesorelle, accanto al centro sportivo Play More.

Il cantiere da 30 milioni come dicevamo, è in piena attività e trasformerà l’edificio, esempio mirabile di architettura razionalista in un luogo storico per la tradizione meneghina. Sarà convertito in un nuovo polo per il luxury retail & food, tornando presto ad essere una vera icona dell’architettura in città.

La facciata curvilinea, verrà mantenuta e vedrà ripristinato il colore originale dell’intonaco – verde salvia – ricreando così il collegamento visivo originariamente pensato dall’architetto De Min con la torre Sia Viscosa di Piazza San Babila; i serramenti a nastro verranno sostituiti per garantire la miglior efficienza energetica agli spazi commerciali.

In elevazione verranno sviluppati, in armonia con gli edifici circostanti, 3 nuovi piani con roof garden e terrazze panoramiche sul cuore della città, destinati ad attività food & entertainment; location uniche al centro del lifestyle milanese.

Nell’interno, i caratteristici piani “a ventaglio” resteranno contraddistinti dalla “pianta libera” per la massima efficienza e fruibilità degli spazi.

Un’alternanza tra solette, originarie/a tutta ampiezza e nuove/arretrate, offrirà una visione aperta tra i piani e con “vista” sulle travi binate originarie.
I connettivi verticali e gli impianti saranno collocati dove una volta era situati gli elevatori per le auto, in un continuum spazio/temporale di efficienza e fruibilità degli spazi.

Anche l’area antistante l’immobile, verso piazza San Babila, verrà riqualificata per una più gradevole fruizione dello spazio comune di accesso a Garage Traversi ma anche all’elegante via Bagutta.

Ricordiamo che l’edificio del “Garage Traversi” è opera dall’architetto Giuseppe De Min. Finito di costruire nel 1939, nell’ambito del più ampio progetto di rifacimento di piazza San Babila, è stato progettato per ospitare la prima autorimessa multipiano di Milano priva di rampe, dotata di un impianto monta-vetture, che la rendeva particolarmente esclusiva.

Info da Garage Traversi




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | San Babila – Il Garage Traversi: ecco come sarà

    1. Anonimo

      è già abbastanza iconico così… non serve attaccargli una vela di Calatrava o un’onda d’acciaio di Gehry (per fortuna)

      1. Anonimo

        infatti, hanno profanato e banalizzato un’icona del boom economico! questo centro commerciale non solo è sciatto e senza un perchè. E’ completamente inutile.

  1. Luca

    Premettendo che le riqualificazioni sono sempre positive, mi chiedo però se potrà avere successo, considerando l’esperienza negativa di excelsior-eats-antonia in galleria del corso, a due passi. Forse poteva essere più appetibile una destinazione d’uso diversa, ad esempio Hotel o un Residence di lusso.

      1. Anonimo

        Quando si parla di uffici e spazi pubblici la legge di riferimento che consente i migliori bonus di cubatura è nazionale. E del 2014…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.