"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Niguarda – La nuova piazza Belloveso

A Niguarda la nuova piazza Belloveso: più verde, più spazio per incontrarsi, più sicurezza stradale, una stazione di BikeMi per meglio collegare il quartiere con la M5 e la M3.

Il Comune vorrebbe partire già dal 13 ottobre.

Ieri sera in Municipio 9 l’Assessore Marco Granelli (Trasporti e arredo urbano) ha presentato il progetto e la proposta di realizzare la nuova piazza in versione “urbanistica tattica” in tempo per inaugurarla durante la Festa di Niguarda del 13 ottobre.

Questo potrebbe essere il primo passo per riqualificare il quartiere a partire dalle idee, proposte, problemi emersi dagli incontri del Comitato di quartiere e dalle associazioni di Niguarda. Insieme per un quartiere più bello e più vivibile.

Ora il Comune attende il parere del Municipio 9, e nei prossimi giorni l’assessore incontrerà le associazioni e realtà del quartiere (associazioni, commercianti, realtà aggregative, culturali e sociali, scuole, parrocchia, …) e così l’assessorato potrà iniziare la sperimentazione dal 13 ottobre.

Sempre il Comune aveva descritto il progetto e le idee sulla piazza e sul resto del quartiere nell’incontro dello scorso luglio al Piano quartieri dove si erano incontrati a lungo tanti cittadini che hanno dato idee, proposte e consigli da ascoltare ed esaminare e problemi da risolvere.

Se verrà dato l’ok, ad ottobre il primo passo, poi seguirà il progetto di Villa Trotti, via Passerini, via Ornato, le vie in fase di trasformazione a Niguarda e le altre strade attorno a piazza Belloveso, come: via Racconigi, via Guido da Velate, ecc. Tutto con progetti più duraturi e seri.

Nel frattempo il Comune ha anche deciso che sarà ampliato l’ambito di sosta regolamentata n. 43 inserendovi il quartiere di Niguarda, superando così i problemi di confine oggi esistenti tra Niguarda e Bicocca, usando un unico pass residenti per Niguarda e Bicocca. Come ha detto l’assessore: “Siamo certi che il progetto risponde ad un desiderio del quartiere, ma che deve e sarà migliorato, con il contributo di tutti”. Speriamo.

Qui di seguito alcune immagini di piazza Belloveso a Niguarda e il suo stato di sciatteria.

Qui di seguito invece, un rendering di come avremmo fatto la piazza a nostro gusto. Insomma, piantando alberi per nascondere i brutti palazzoni sul lato meridionale e un parterre che riprenda quello già esistente davanti al sagrato della chiesa di San Martino in Niguarda.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Niguarda – La nuova piazza Belloveso

  1. Adriano

    La cosa più fastidiosa è che le proposte siano arrivate da granelli senza chiedere nessun parere al municipio di zona 9 prima di fare le scelta/visione della piazza.
    Questa è una vergogna perchè dire che ci sono i municipi che dovrebbero decentralizzare le scelte e poi decidere dall’alto e chiedere un parere alla fine.
    Prima di sentire i residenti direttamente non si poteva passare dal municipio che ha scopo di rappresentarli?
    Insomma la favola dei municipi è una favola, le scelte le prende il comune sempre e comunque. tanto vale tornare a chiamarle zone e togliere definitivamente i poteri che non ha. Perchè secondo il mio punto di vista andrebbero ridisegnate, perchè come sono adesso non hanno senso.
    Cioè io non sono contro la scelta di rifare la piazza ma dal metodo, cioè si vuole far credere alla gente del pd che ci sia democrazia e scelte partecipate e si scavalca il luogo della scelta locale che sarebbe il municipio, probabilmente alcune volte è meglio così perchè al municipio non sarebbero in grado di decidere visto che non rappresenta la totalità della zona. potrebbe capitare che in un municipio non ci sia nessun rappresentante di quell’area specifica della zona, perchè il municipio è mal pensato.
    Poi facciano quello che vogliono tanto già lo stanno facendo ma non vengano a raccontare minchiate che c’è la democrazia partecipata, perchè fanno ridere

  2. Andy77

    Da Bicoccaro concordo con voi, il totale immobilismo dell’attuale giunta del Municipio 9 ha dell’imbarazzante.
    Anche gli ordini del giorno dell’attuale giunta del Municipio 9 sono imbarazzanti…a parte chiamare in causa i vigili urbani e la polizia per questioni di decoro e rispetto dei passi carrabili non fa nulla…
    Ora a causa del suo immobilismo e dei suoi rimpasti si fa sopravanzare dal comune per questioni in cui non ha mai proferito parola se non ex post…
    Avete ragione proprio da buttare fuori dalla finestra….

  3. giò i man dal nichel

    ma i Comuni non devo ostacolare le decisione del Comune.. altrimenti non finiamo più.. moriremo di burocrazie e veti incrociati per motivi politici… Questa giunta ha varie volte chiesto il parere sui progetti presentati.. o no?

  4. Semilanuto

    Ma io invece mi chiedo.. ma la toponomastica cittadina doveva “sprecare” Belloveso, leggendario fondatore di Milano, per una piazzetta anonima di periferia?!

    Noi milanesi abbiamo molto da imparare in orgoglio e amore verso le proprie tradizioni da molte città italiane..

  5. Andrea

    Premetto che non sono d’accordo sul progetto:
    1. nessuno a Niguarda ne sente il bisogno
    2. i soldi per rifare la piazza devono essere spesi per sistemare definitivamente l’asfalto in via Ornato
    3. oppure li usino per sistemare il depuratore che da 40 anni appesta l’aria del quartiere

    Trovo assurde le critiche sui parcheggi addotti come motivo a sfavore dell’opera (ne verrebbero tolti 10 peraltro sul marciapiede quindi abusivi), tuttavia renderebbe decisamente difficoltoso trovare posto per chi deve recarsi nei negozi sulla piazza e nelle vie limitrofe (farmacia, mobilificio, ottico, posta, NKD, Picard).
    Ricordo inoltre che ci sono una scuola elementare, due scuole materne, un nido ed una Chiesa che di certo non beneficerebbero della riduzione della strada.

    La modifica inoltre aggraverebbe i gravi problemi di rumori notturni che disturbano la quiete di chi abita sulla piazza.

    Concludo invitando l’articolista a farsi un giro per le altre zone di Milano prima di scrivere che in piazza Belloveso c’è “sciatteria”.

  6. Anonimo

    E tra le altre zone di Milano, alle quali alludeva Andrea a proposito di “sciatteria” , non facciamo finta che quelle centrali siano meglio.

  7. ste

    Vivo a Niguarda da circa 25 anni, abito in piazza Belloveso da circa 10 anni in uno di quei “brutti palazzoni sul lato meridionale” (cit.).
    Il progetto della piazza pedonale sarebbe stato gradevole se si fosse pensato di farla verde, e non di dipingere di azzurro e giallo dell’asfalto…..capisco che i costi di realizzazione e manutenzione così siano molto più contenuti, ma non sarà nient’altro che una copia delle già tristi piazze Dergano e piazza in zona Nolo, dove hanno fatto la stessa cosa con risultati discutibili.
    Come ha già detto qualcuno, a questo punto sarebbe stato meglio destinare i soldi ad altri interventi più importanti ed urgenti (vedi via Ornato, asfalto da rifare e sede del tram da modernizzare, oppure all’arredo urbano di tutta Niguarda o delle vie meno trafficate, che risultano quasi abbandonate).
    La “sciatteria” della piazza di cui parla l’autore è una fesseria, si vede che non conosce nulla di Niguarda.
    Tuttavia piazza Belloveso è già congestionata da limitati parcheggi e traffico eccessivo, dovuto questo ai tanti servizi che offre (comune, asilo, scuola, farmacia, oratorio, chiesa, bar, giardini per i bimbi, etc…) pertanto limitarla ancora di più arrecherà enormi problemi a chi ci abita, vedrete.
    Ciliegina sulla torta saranno le strisce blu in zona, inizierà una guerra per parcheggi e soste più o meno selvagge.
    Inoltre, li in piazza ci sono dei box, impossibile pedonalizzarla tutta come alcuni rendering fanno vedere. La realtà sarà che il passaggio di auto ci sarà ancora, ma sarà molto più lento e congestionato appunto, per la gioia di tutti quei bimbi che quotidianamente giocano nei giardini della piazza…
    direi che l’idea è anche bella. Ma pensando a Niguarda avrei pensato prima ad investire per risolvere alcuni problemi oggettivi del quartiere, l’estetica della piazza poteva aspettare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.