"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bovisa – Via Cosenz 54: quattro anni dopo…

Terminato nel 2015, il complesso di edilizia libera e convenzionata in via Cosenz alla Bovisa, costituito da ben 500 appartamenti, distribuiti in edifici alti fino a 18 piani, ha già problemi con le facciate.

Apparentemente c’è qualcosa che non ha funzionato e attualmente ci sono i ponteggi per, evidentemente, fare degli interventi di ripristino. Non sappiamo quale sia la causa che ha portato al veloce degrado delle facciate né come stanno cercando di risolvere la situazione. Constatiamo che non è il primo caso (come avevamo già visto anche con gli edifici al Portello) in cui si manifestano problemi dopo pochi anni.

Come si vede, il complesso di via Cosenz alla Bovisa è composto da tre gruppi di edifici formati a loro volta da una parte bassa di 8/9 piani, da una parte alta 11/12 piani e due torri di 18 piani. I tre blocchi sono disposti attorno ad un cortile anfiteatro (ma perché l’anfiteatro, non sarebbe stato meglio un giardinetto?)

Spazio dove si affaccia anche un più piccolo edificio (5 piani) di alloggi a canone convenzionato, per ora l’unico senza impalcature e apparenti distacchi della facciata.

Sul retro, verso via Bovisasca e a lato della Cascina Albana, si trova un parchetto con annessi gli orti comunali, i giochi per bambini e un bel campo da basket. Il giardino, come molti altri in questo periodo in città, è un po’ selvaggio in questi giorni, bisognoso di una potatura.

Manca ancora la parte del quartiere, verso il bellissimo edificio decò delle Cristallerie Fratelli Livellara, edificio del 1935, che dovrebbe diventare un ulteriore parchetto tra la Cascina Albana, via Cosenz e via Bovisasca, da realizzarsi grazie agli oneri di urbanizzazione (sperando sempre sin una riqualificazione dello splendido edificio industriale.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Bovisa – Via Cosenz 54: quattro anni dopo…

  1. Filippo

    Ci sono passato ad aprile. Imbarazzanti il degrado e l’imperizia nel costruire in tal modo. Brividi a pensare che mi ero interessato all’acquisto.

  2. enrico

    Dimostrazione che anche quando si opera come edilizia privata (con case vendute a prezzi di certo non “popolari”) imperizia o malafede provocano disastri. Chissà chi pagherà il danno (praticamente il rifacimento e consolidamento di tutte le piastrelle delle facciate)?
    Qualche annotazione:
    – Il parco incompiuto (legato agli oneri di sistema, e che quindi il condominio, alle prese con la grana delle facciate, non pagherà mai).
    – L’edificio Livellara/Spirit De Milan: è molto caratteristico il suo aspetto “rustico” e industriale decadente, però la proprietà potrebbe curare meglio la facciata, il parcheggio, e sopratutto, la torretta (magari facendo spostare le antenne all’interno del cortile…). Tra fabbrica, locale serale e affitto delle antenne, le risorse economiche non dovrebbero mancare….

    – L’incrocio via Cosenz/Bovisasca: una rotonda sarebbe molto utile (pare sia già in studio, legata agli oneri di urbanizzazione dell’Università cinese da poco arrivata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.