"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Centrale – Aggiornamento via Benedetto Marcello: fine settembre 2019

Piccolo giro di perlustrazione al cantiere per riqualificare via Benedetto Marcello (Zona Centrale-Loreto).

La riqualificazione prosegue nella parte superiore della via, verso via Scarlatti. A quanto pare, sono stati ripristinati i vecchi cordoli per delimitare le aree dove verranno o sono state re-impiantate le piante. Dei riquadri nella pavimentazione disposti a giusta distanza gli uni dagli altri.

Ci chiediamo se basterà, questa soluzione, a proteggere le alberature, perché quando tornerà il parcheggio, alternativamente secondo i giorni, il mercato settimanale, le piante potrebbero venire tamponate dai mezzi, e, come già successo altre volte, venire anche sradicate.

Secondo noi andrebbero protette meglio, ad esempio da un cordolo ben più alto e magari da una gabbia metallica tubolare, come si faceva all’inizio del XX Secolo.

Nel frattempo il mercato in queste settimane, si svolge regolarmente negli spazi delle vie limitrofe.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Centrale – Aggiornamento via Benedetto Marcello: fine settembre 2019

  1. Anonimo

    Qualsiasi cosa è meglio dello schifo che c’era prima. Giustissima comunque la vostra osservazione su migliori protezioni per gli alberi.

    Passandoci l’altro giorno ho notato anche che in via Vitruvio qualche condominio comincia a cancellare le tag dai propri muri… che siano timidi segnali di cambiamento in una zona che, a livello di qualità urbana, oggi come oggi è davvero terzo mondo?

  2. Milanese

    Sotto le grate ci nasconderebbero minimo minimo gli stupefacenti.

    Riguardo agli alberi incrociamo le dita affinché non muoiano quasi tutti come già successo per interventi simili

  3. Anonimo

    Bisogna essere il più corraggiosi possibile. Cura del verde, alberi, piste ciclabili, togliere catrame e auto. A Milano dobbiamo uscire dal concetto di mobilità anni 60 e arrivare nel 21 secolo.

  4. Anonimo

    Finalmente qualche alberello piantato in zono semi-centrale e non nei soliti parchi urbani o lungo le tangenziali che a nulla servono…

    Adesso vi aspettiamo più coraggio per il centro città dove gli alberi servono veramente !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.