"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Volta – Il giardinetto di via Bramante, un delizioso angolo urbano

Pochi giorni fa si è tenuta l’inaugurazione del piccolo giardinetto posto ad angolo tra le vie Fioravanti e Bramante, nel quartiertre incastrato tra Porta Volta e Chinatown.

Dopo quasi un anno di lavori, il piccolo lotto, dove era stato creato un giardinetto già da diversi anni, ma che aveva bisogno di un risanamento strutturale e non solo, è diventato bellissimo.

A prendersene cura è stato e sarà l’Hotel Viu, che si affaccia dal lato opposto di via Fioravanti, i cui oneri di urbanizzazione sono serviti alla creazione del giardino stesso. Un bel pergolato dove si arrampicheranno i glicini e i gelsomini, alberelli e aiuole. Una passeggiata centrale e le panchine modello Milano.

Peccato che, a rovinare l’atmosfera ci siano i soliti furbetti del parcheggio selvaggio… che come si può notare dalle immagini, non esitano a lasciare la propria auto parcheggiata a metà sul piccolo marciapiede impedendo il passaggio ai pedoni, costretti a passare in mezzo alla strada.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


14 thoughts on “Milano | Porta Volta – Il giardinetto di via Bramante, un delizioso angolo urbano

  1. Anonimo

    Auto, auto, auto ovunque e in ogni spazio possibile. Ma abbiamo davvero bisogno di tutte queste auto, sempre più grosse, sempre più veloci, sempre più rumorose?

  2. Anonimo

    La rumorosità è niente a confronto di 10 anni fa, idem per l’inquinamento. Sono solo mediamente più grosse, però sono di meno…anche se di poco.

    1. Andrea

      Infatti, ormai dovrebbe essere chiaro che dove fisicamente l’auto ci sta il milanese medio ce la mette.
      Ci vogliono i dissuasori.

  3. Andrea

    Quest’idea di assegnare la manutenzione dei luoghi pubblici ai privati, per esempio l’hotel accanto, non mi piace.

    Prima c’era più verde e il luogo era più appartato.

  4. giovanna crema

    Non si poteva fare la stessa cosa x il giardino di piazzale Baiamonti, quello dedicato a Lea Garofalo? È lì da molto più tempo e totalmente abbandonato , con tutti i muri di recinzione mezzi cadenti. Una pena per gli occhi.

    1. francesco scomazzoni

      Già fatto: una mozione promossa da filippo barberis carlo monguzzi e bruno ceccarelli, approvata dal consiglio comunale la scorsa settimana (giovedì, se non sbaglio) vincola la costruzione dell’edificio alla realizzazione di un parco di mille metri quadrati come oneri a scomputo (vedi corriere di Milano).

      Il chè, dal mio punto di vista, dovrebbe mettere la parola fine a qualunque polemica sulla costruzione della piramide bis (cento volte meglio la piramide circondata da giardino che lo status quo esistente (!!!!).

      Chè poi, stiamo parlando di un edificio bellissimo…(è un opinione personale, ma molto condivisa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.