"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tre Torri – Riqualificazione piazzale Carlo Magno: primi di novembre 2019

E dopo aver visto largo Domodossola in fase di riqualificazione con le nuove piste ciclabili e parcheggi, eccoci sull’altro lato del cantiere, lungo viale Duilio e l’incrocio con le vie Gattamelata, via Alcuino e via Arona in piazzale Carlo Magno.

Per qualche residente iniziano naturalmente ad esserci alcune preoccupazioni, dovute al fatto che via Alcuino diventerà, per un tratto, a senso unico, via molto ampia che si unisce a piazzale Damiano Chiesa.

Le immagini che seguono hanno immortalato il lato settentrionale del cantiere di CityLife dove sarà esteso il parco e dove ci sarà l’accesso al parcheggio sotterraneo anche da questo lato (si vede nella terza foto qui di seguito).

Il reportage fotografico è di Valter Repossi.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Tre Torri – Riqualificazione piazzale Carlo Magno: primi di novembre 2019

  1. Augusto

    Buonasera
    È da bocciare il tratto di via alcuino, si può uscire verso la fiera, però se uno arriva da via cassiodoro e vuole entrare in via alcuino deve fare tutto un giro arrivando in Damiano chiesa.

  2. Gianluca

    Buonasera,
    Ma non si sa nulla del rifacimento della sede tranviaria di viale Boezio, sbandierata in periodo elettorale da Sala?
    Se passate da li guardate come stona viale Boezio rispetto a tutto ciò che la circonda.
    Aggiungo che per i pedoni attraversare a piedi Piazza 6 Febbraio è veramente pericoloso: si cammina nella sede tranviaria. Forse per sistemarla si aspetta il morto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.