"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sant’Ambrogio – Vi sembra possibile questo parcheggio selvaggio?

Parcheggi: da qualche parte le si devono parcheggiare, ma nello storico cortile della Basilica di Sant’Ambrogio ci pare un po’ troppo.

Anzitutto va ricordato che si tratta di uno spazio privato, appartenente alla Diocesi di Milano, ma ci siamo chiesti: come sia possibile che in una città civile si debba tollerare uno “scempio” simile, la trasformazione del cortile storico della Basilica di Sant’Ambrogio in un bel parcheggio selvaggio?

A voi i commenti.

Secondo noi è un vero insulto al decoro urbano e al buon senso. Colonne del 1400 e strutture ben più antiche invase dalle auto come se si trattasse di un parcheggio da supermercato.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


40 thoughts on “Milano | Sant’Ambrogio – Vi sembra possibile questo parcheggio selvaggio?

  1. Lamberto

    No comment. Flora et Decora, la manifestazione che da sei anni si teneva in sant’Ambrogio portando per tre giorni fiori, artigianato e appassionati è stata proibita, le automobili, presenti 365 giorni all’anno continuano imperterrite ad essere ammesse. Così va se vi pare.

      1. Anonimo

        1 milione di auto entrano in città ogni giorno. Ed è ovvio perchè è una cifra così esorbitante (visto che si somma al milione già presente in città). Alla fine si può usare come parcheggio quasi tutto: marciapiedi, ciclabili, piazze, interni di cortili ecc. Dove sono i vigili?

  2. Anonimo

    Milano insegue il futuro e dimentica il passato….spettacolo penoso….NON CI SONO PAROLE VERGOGNA PER CHI PERMETTE QUESTO…..

  3. Wf

    Cè semlre qualche imbecille che difende anche questo tipo di parcheggi…

    Rendiamocene conto.

    Basta.

    Cè troppa tolleranza con le auto in questa città.

    Cosa facciamo vedere ai turisti quando vedono queste cose??

    Tolleranza zero contro barbari e incivili.

    Sequestriamogli lo scarafaggio di lamiera.

    Lo schifo infinito di questa città.

      1. Wf

        Allora facciamogli pagare le tasse alla chiesa quelle che non pagano.

        E togliamo anche l 8 per mille.

        Se sono privati devono essere uguali a tutti gli altri.

  4. _

    Sono foto fatte a Sant’Ambrogio, nel week end di Sant’Ambrogio, tra le 11 e le 12 (fonte: Exif).

    Con tutto l’affetto per UF, andare a fotografare il cortile interno di una basilica, di Domenica, di una festività solenne e tra le 11 e le 12 di mattina quando c’è la messa principale è del tutto legittimo ma francamente tendenzioso.

    A parte che durante le funzioni religiose (che spesso son frequentate da anziani e categorie deboli), è un’area adibita a regolare parcheggio?

      1. Anonimo

        si, però UF non è giornalismo stile Fatto Quotidiano o Libero… le foto di denuncia del parcheggio fatte durante la messa solenne a Sant’Ambrogio non mi convincono del tutto.

          1. Adriano

            Tu non sei milanese si vede, quando andavo a sant’ambrogio tutte le domeniche ci andavo in macchina e la posteggiavo davanti….chiaro che se pensi sempre da turista vivete male, se ci vivi è normale.
            Quando in qualsiasi paesino di provincia c’è una funziona la piazza si riempie di auto perchè non ci sono posteggi interrati, se uno è pensionato non paga il posteggio per andare in una chiesa che frequenta da tutta la vita.
            La differenza vostra è loro è che loro sono residenti con una storia dentro la chiesa voi siete solo turisti inutili.
            Le città senza residenti sono una merda….

    1. Andrea

      Quando critico l’utilizzo a sproposito che viene fatto dell’automobile a Milano, la classica risposta che mi viene fatta contiene l’elenco di tutte le categorie di persone che sono “costrette” ad usarla o “non hanno alternative” e tra queste persone ci sono sempre: disabili, mamme che accompagnano i bambini a scuola, commercianti che devono portare carichi, manager che devono accompagnare clienti, gente non di Milano che viene da fuori.

      Oggi scopriamo che la pratica della religione cattolica (dico cattolica perché davanti alle chiese/moschee/sinagoghe/templi delle altre religioni non si vedono questi scempi) è un altro dei motivi per i quali la gente è costretta ad usare l’auto.

      Piste ciclabili? Aree pedonali? ZTL? Restringimenti della carreggiata? Sensi unici? Assurdo! La gente deve poter andare in chiesa (cattolica) alla faccia dell’ambiente e di Papa Francesco!

      1. Anonimo

        Tutti i luoghi di culto hanno problemi di parcheggio e/o di traffico.
        E’ così davanti alla chiesa Evangelica a Corsico, alla Chiesa Pentecostale in via Bisceglie, alla Sinagoga di via Montecuccoli (aggravato dai problemi di sicurezza), davanti alla Moschea in Via Gonin, giusto per citare una zona specifica.

        1. Andrea

          I luoghi di culto che citi si trovano in periferia, non sono ben serviti da mezzi pubblici o piste ciclabili e non hanno un parcheggio sotterraneo accanto. I fedeli avrebbero anche forse più diritto a raggiungerli in auto ma nonostante questo, non sono visibili le scene presenti a Sant’Ambrogio con i Mercedes ( l’equivalente di 150 cavalli per rendere l’idea) parcheggiati davanti alla porta di casa di uno che predicava uno stile di vita sobrio e se ne andava in giro vestito con gli stracci (È” più facile che un cammello…”).

          Mi spiace ma Sant’Ambrogio è proprietà privata, questa volta non mi posso lamentare del Comune, il problema però è che la corenza dei frequentatori di Sant’Ambrogio viene poi esportata anche al di fuori della chiesa, cioè nel territorio del mio comune.

          1. Anonimo

            Giudicare e’ sempre più facile che cercare di comprendere (lo diceva il tipo vestito di stracci 2000 anni fa ai farisei)

            Comunque tra le auto in sosta vedo molte più utilitarie stagionate che SUV e Mercedes fiammanti (non che ci sia problema a portare i vecchi genitori a messa se tutto quel che hai è la macchina aziendale…)

      2. Lorenzo Lamas

        Ma scusa non hai visto cosa ti scrive paola Susanna pagliaretta? È una proprietà privata e tu se sei il proprietario (o il tenant che fa smart working in un open space) puoi pure disporre tutta una collezioni di dildo (sì pure quelli a motore tipo succhiatore a presa rapida svedese, il caro, vecchio e affidabile anal intruder).

  5. dammatra

    Li c’e’ i collegio dei geometri di milano oltre a gente che fa continuamente lavori e manutenzione. Come fanno a lavorare?

    Stessa cosa a S.M. delle grazie e in tanti altri posti, qualche auto ci sara’ sempre tranne nelle occasioni speciali.

    Guardatevi le immagini satellitari

  6. Giuseppe Vasta

    La zona è molto ben servita dai mezzi pubblici, non c’è nessun bisogno di arrivarci in auto. Lì di fianco poi è stato realizzato (inopinatamente, a mio parere) un parcheggio sotterraneo a rotazione, potrebbero usare quello. Ma in fondo è solo una questione di sensibilità da parte della proprietà. Mi sembra che UF volesse solo sollecitare una loro riflessione sull’opportunità di usare in questo modo uno spazio monumentale (e bellissimo)

  7. Giuseppe Vasta

    La zona è molto ben servita dai mezzi pubblici, non c’è nessun bisogno di arrivarci in auto. Lì di fianco poi è stato realizzato (inopinatamente, a mio parere) un parcheggio sotterraneo a rotazione, potrebbero usare quello. Ma in fondo è solo una questione di sensibilità da parte della proprietà. Mi sembra che UF volesse solo sollecitare una loro riflessione sull’opportunità di usare in questo modo uno spazio monumentale (e bellissimo)

    1. Adriano

      Se vai tutte le domeniche a messa col cazzo che paghi il posteggio se sei residente magari di due zone difianco che non sono collegate alla metro.
      Ma poi figurati se con i nonni vai a messa con i mezzi, ma finitela. c’è un autobus ogni mezz’ora fuori dal centro

  8. Adriano

    Chi ci è nato a milano se vuole andare a sant’ambriogio magari dopo qualche gita fuori porta o prima di una gita ci va in auto se è parrocchiano o comunque frequenta la parrocchia, E’ chiaro che voi che siete anticlericali e comunisti non andrete mai a messa la domenica non potete capire…
    Non si possono usare i mezzi sempre, se uno li usa tutta la settimana per andare al lavoro è libero nel fine settimana di usare la macchina….andate a vivere in campagna così in mezzo ai campi le auto non le trovate

    1. Giuseppe Vasta

      Mi sembra un commento un po’ fuori le righe. Perché mai non si dovrebbe usare il parcheggio interrato che è stato costruito apposta? E vicino a Sant’Ambrogio ci sono due linee metropolitane (M1 e M2), una stazione ferroviaria, diverse linee di autobus e di tran abbastanza frequenti (passano ogni cinque minuti, non ogni mezz’ora)… Davvero non ci sono alternative?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.