"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Brera – Una piazzetta da ridisegnare

A Brera, all’angolo tra le vie Pontaccio e Mercato si trova uno slargo senza nome. Una vera e propria piazzetta utilizzata da quando venne realizzata, per parcheggiarvi i motorini.

Ora, il Comune va dicendo che pianterà migliaia di alberi nei prossimi anni, bene, noi potremmo suggerirgli di piantarne sei qui.

L’esempio che potrebbe calzare a pennello è quello che troviamo spesso nelle città francesi, come nell’esempio qui sotto di Bordeaux.

Comunque sia, il Comune potrebbe sistemare questo spazio urbano in qualche modo e renderlo più decente, vista anche la collocazione così centrale e turistica. Possibile che da quando venne creato, negli sventramenti programmati nel periodo post bellico, che prevedeva l’allargamento di intere arterie del centro, distruggendo interi isolati, come doveva succedere per Corso Garibaldi e anche via Pontaccio (qui un nostro articolo sulla città incompiuta).

Fino alla fine degli anni Cinquanta qui vi era un piccolo palazzo di case di ringhiera. Demolito con l’intenzione di allargare e rettificare via Pontaccio. Obiettivo rimasto incompiuto (per fortuna).

Però, come si può vedere, la soluzione adottata dopo l’apertura dello spazio urbano è stata infelice. Una cementata e via. Nel corso del tempo, forse per pietà, qualcuno si è degnato di collocarvi quattro e cinque fioriere.

Panettoni in cemento per scongiurare il parcheggio selvaggio, rattoppi, fioriere sgarruppate e troppi motorini parcheggiati, ora caratterizzano quest’angolo di Brera.

Pensare che lì sotto, forse (sempre non sia stato cancellato) si trova ancora la base del torrione medievale di Porta Comacina, l’antica porta succeduta a quella romana più arretrata alla fine di via Broletto.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


22 thoughts on “Milano | Brera – Una piazzetta da ridisegnare

  1. tatino pensabene

    ma anche i lampioni in stile ci metterei, no? E magari leverei pure il catrame. E ci metterei pure la classica fontanella. E delle panchine, e un bibitaro….possibile che a Milano deve essere per forza tutto grigio, minimalista e terribilmente tetro?

    1. Ottobre Rosso

      “Bibitaro”… cosa devo leggere… Queste cafonate lasciamole alle città semi-europee del meridione, come Roma (appunto). Piuttosto, questa piazzetta si presterebbe perfettamente ad ospitare un chiosco che serva sushi come quello di Piazza Mentana, o meglio ancora un chiosco stile ‘parisien’ con performance di lettura libera e condivisa di poesie, oltre ad angolo bookcrossing. Sono certo che un progetto come questo incontrerebbe il favore del nostro Sindaco e della sua coraggiosa giunta, purtroppo però è solo un sogno visto che ci troviamo in Italia un paese ancora profondamente reazionario e provinciale. Di bibitari insomma.

        1. Anonimo

          Hai ragione. Non c’è posto per il sushi nella scintillante Milano di oggi.

          Purtroppo, per tornare al tema della piazzetta, nemmeno per due alberelli e qualcosa di meglio di un parcheggio per scooter.

    1. Si Tav

      Hai ragione, anonimo delle 14.32.
      Purtroppo qui c’è gente che non pensa a proporre soluzioni ma pensa solo a misure utopiche come “togliamo le auto dalle strade ma senza creare parcheggi perché consumano suolo”.
      Questi sono sempre elettori PD…

  2. Bernardo

    Benissimo gli alberi. L’importante è che poi vengano curati.
    Basta guardare le condizioni in cui versano quelli della vicina Corso Garibaldi…

  3. Andrea

    Con tutto il rispetto, dove mettete le moto è un problema vostro…stiamo parlando di Brera un quartiere storico, turistico e centrale, perché una piazzetta qui deve diventare un parcheggio per moto? Si ricavino parcheggi per moto dove possibile. Non si può sempre rovinare ogni angolo di Milano con auto, moto e furgoni parcheggiati…

    1. Andy

      Dove possibile. Dici giusto. E questo è un posto “possibile”. Ragionando come te – ossia non ragionando – qualunque area destinata al parcheggio degli scooter non va bene. Dai su, riprova con un commento più serio

  4. Andrea

    Con tutto il rispetto, dove mettete le moto è un problema vostro…stiamo parlando di Brera un quartiere storico, turistico e centrale, perché una piazzetta qui deve diventare un parcheggio per moto? Si ricavino parcheggi per moto dove possibile. Non si può sempre rovinare ogni angolo di Milano con auto, moto e furgoni parcheggiati…

  5. Anonimo

    Il confronto tra le foto di Milano (centro… e dico CENTRO) e quelle di Bordeaux è a dir poco umiliante.

    Ma i nostri amministratori mettono ogni tanto il naso fuori dell’Italia? E se lo fanno, possibile che non si rendano conto della differenza (abissale)?

    1. Anonimo

      Ecco, questo é il punto. Sono tornato a Milano dopo un decennio in giro per l’Europa ed il confronto é mortificante.
      Tutti a riempirci la bocca con il supposto successo di Milano, cittá globale e amenitá simili e poi accettiamo di vivere in mezzo a questa sciatteria e bruttezza.

      Viviamo in una versione un po’ piú fashion di Beirut e non ce ne rendiamo manco conto

  6. Anonimo

    Il povero Beruto, parlandone da vivo, i viali col parterre centrale li aveva previsti anche a Milano…

    …solo che a Bordeaux (o Parigi, o Barcellona) il parterre centrale è una passeggiata, a Milano è un parcheggio.

    1. Si Tav

      Caro anonimo delle 18.26, è un parcheggio perché i mentecatti di sinistra (ma in certi casi anche di destra) non hanno mai voluto fare garage sotterranei. A onor del vero c’è anche un altro fatto: una burocrazia mortificante rende quasi impossibile fare le cose, perché comunque ogni nulla osta deve arrivare dalla borbonica e nullafacente Roma.
      Senza contare che a Bordeaux o a Barcellona i comuni hanno maggior autonomia finanziaria mentre in Lombardia i soldi delle tasse finiscono a ingrassare lo spreco di Roma o la illegalità mafiose della terronia.
      Tutto qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.