"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vittoria – Finalmente quest’estate partono i lavori per il parco pubblico

Via libera ai lavori per il nuovo parco pubblico di Porta Vittoria. Dopo la certificazione da parte di Città Metropolitana dell’avvenuta conclusione dei lavori di bonifica dell’area, il Comune di Milano ha rilasciato i titoli edilizi per la realizzazione dell’intervento a Prelios SGR S.p.A., in attuazione delle previsioni del Programma Integrato di Intervento per la riqualificazione delle aree dell’ex scalo ferroviario di Porta Vittoria che si estendono tra viale Umbria, via Monte Ortigara e viale Molise.

I lavori per la nascita di questo nuovo polmone verde inizieranno entro l’estate e avranno termine entro la primavera 2021, il tempo necessario per restituire alla cittadinanza un’area da anni inutilizzata e in stato di abbandono e di progressivo degrado.

L’intervento metterà a disposizione della città una nuova area verde che si estenderà per circa 40.000 metri quadrati in continuità con i giardini di Largo Marinai d’Italia (Parco Vittorio Formentano). L’opera rientra tra gli interventi di urbanizzazione previsti dal PII, che prevede anche la realizzazione di edifici a destinazione residenziale – il cui completamento è previsto entro giugno 2021 – e direzionale, nonché di strutture ricettive e commerciali (esercizi di vicinato e di media struttura) per un dimensionamento complessivo pari a 44.000 metri quadrati di SLP. Oltre a queste opere, il PII prevede la realizzazione di un centro sportivo nell’area oltre viale Molise, sulla cui progettazione è in corso un approfondimento insieme al territorio.

La realizzazione del parco, del centro sportivo ed i correlati costi di gestione saranno sostenuti dal Fondo Niche, gestito da Prelios SGR S.p.A. che, a maggio dello scorso anno, ha perfezionato l’acquisizione degli attivi facenti parte del fallimento Porta Vittoria.

Il complesso immobiliare di Porta Vittoria si sviluppa su una superficie immobiliare complessiva di 139.000 metri quadrati per un valore di acquisto pari a circa 190 milioni di euro cui vanno aggiunti ulteriori investimenti stimati in oltre 50 milioni di euro. Il progetto, oltre alla realizzazione del parco pubblico e del centro sportivo, prevede opere e oneri di urbanizzazione, il completamento di oltre 160 unità immobiliari residenziali, nonché delle strutture ricettive e di servizio quali un hotel, una galleria commerciale, un’area fitness oltre a box e posti auto. 

“La certificazione dell’avvenuta bonifica è una notizia molto attesa non solo per il quartiere ma per tutta la città – dichiara l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -. Nonostante il difficile periodo, i progetti di rigenerazione urbana per Milano vanno avanti. Dopo il  tempo perduto a causa del fallimento del precedente operatore, finalmente il piano di Porta Vittoria ha una nuova guida solida e  si avvia al completamento, togliendo dal degrado l’area e portando nuovi servizi e verde pubblico per tutto il quartiere”. 

“Quando Prelios SGR è subentrata un anno fa nel progetto Porta Vittoria, sapevamo che l’operazione sarebbe stata sfidante – afferma Alessandro Busci, head of Fund Management di Prelios SGR -. Si deve infatti raggiungere l’obiettivo dell’effettiva riqualificazione e rigenerazione dell’area, e superare la percezione negativa di questa ‘ferita’ nel territorio urbano, da tempo abbandonata. Ora siamo sulla strada giusta: l’aver ottenuto il titolo edilizio abilitativo alla realizzazione del nuovo parco pubblico, naturale continuazione dei giardini di Largo Marinai d’Italia, restituisce a tutti i cittadini un’importantissima area verde. Questo contribuirà a rendere Porta Vittoria una nuova destinazione per i milanesi nel momento in cui c’è un crescente bisogno di spazi all’aperto a contatto con la natura”.

Noi aggiungiamo un bel: speriamo di non vedere più quest’angolo di Milano ridotto ad uno schifo come lo spettacolo che dobbiamo vedere ogni volta che passiamo da via Cervignano, dove si trova l’uscita del passante ferroviario della stazione di Porta Vittoria.

Qui di seguito le foto scattate quest’inverno da Valter Repossi.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Porta Vittoria – Finalmente quest’estate partono i lavori per il parco pubblico

  1. Lorenzo

    Bene! A Milano serve molto più verde di quanto ce ne sia ora.

    Essenziale anche che il verde sia poi difeso da sporcizia, incuria, maleducazione.

  2. Corrado

    Bene. Spero vivamente che, una volta tanto, l e alberature siano capillari e massicce, nel senso di quantità numerica di alberi ad alto fusto. Non se ne può di parchi con pochi alberi e tanto prato. Deve essere il contrario! Un parco frequentato abbisogna di molti metri quadri d’ombra! Altrimenti nella stagione estiva, quando i parchi sono maggiormente utilizzati ma anche quando il sole picchia, non ci andrebbe nessuno. Avanti!

  3. Gio

    Non mi é chiaro peró se questo spazio sará unito al parco di marinai d`italia da un ponte. Perche unire i due parchi sarebbe molto bello, mentre ora rimane l`attraversamento di viale umbria

  4. Anonimo

    Perchè non si parla piu’ della Biblioteca Nazionale? Era la cosa piu’ importante di tutto questo quartiere da rigenerare. Non dico in questo blog, ma in generale. Non interessa piu’ a nessuno o è diventata una vergogna tale per cui meglio nascondere tutto? In compenso i palazzotti cubici gli hanno fatti, il parco a fatica spunterà, ma il quartiere si può dire di tutto tranne che sia bello o interessante…boh! Virtualmente in eterno divenire è l’emblema dei fallimenti materiali e simbolici in questa città: per la serie ci resta solo la speranza in un futuro migliore magari, fra 100 anni! mah…silenzi e rassegnazioni, aggiungetevi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.