"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Città Studi – Cantiere Campo Sportivo Mario Giuriati: luglio 2020

Piccolo cantiere a Città Studi, in via Celoria, nell’area del Campo Sportivo Mario Giuriati noto anche come stadio Mario Giuriati. Inaugurato il 29 ottobre del 1929 si chiamava inizialmente Campo Rionale Mario Giurati.

Si tratta del cantiere per la realizzazione di un campetto sportivo al coperto e nuovi spazi all’interno del centro sportivo.

Il campo si trova all’interno del Politecnico di Milano e dal 2008 è il centro sportivo di riferimento per tutti gli studenti del Politecnico nonché dal 2015 sede della squadra di rugby dell’Ateneo: CUS Milano Rugby (Centro Universitario Sportivo).

Il progetto prevede la totale riqualifica delle strutture presenti. Verranno rinnovati i campi di rugby e calcio che sarà in erba naturale. Vedrà nuova vita anche la pista di atletica così come gli spazi interni della palazzina, gli spogliatoi e le tribune ( 1000 posti di capienza).

Saranno inoltre costruite nuove infrastrutture quali un centro fitness, un palazzetto dello sport per il basket e il volley, un ulteriore campo da calcio e un area specializzata per gli allenamenti a corpo libero.

Le riqualifiche terranno conto dell’impatto ambientale, difatti le illuminazioni saranno led. Questo nuovo tipo di impianto di illuminazione permetterà di tenere aperto il centro anche nelle ore serali riducendo notevolmente i costi.

Interessante l’idea di aggiungere al cartellone del piano lavori (foto 7) un timer che segna il conto alla rovescia per la conclusione del cantiere. Speriamo che i tempi vengano rispettati.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


One thought on “Milano | Città Studi – Cantiere Campo Sportivo Mario Giuriati: luglio 2020

  1. Corrado

    Personalmente, modificherei i muri perimetrali del Giuriati. Terrei le colonne in muratura e sostiuirei i muri tra le colonne con una ringhiera/cancellata. Lo scopo? “Aprire” un po’ la visuale a livello strada, eliminando un bel pò di superficie scarabocchiabile. Questo vale per molti altri muri perimetrali in città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.