"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Genova – L’area giochi di piazzale Cantore… sotto il sole

Oggi, 28 luglio 2020 è stata riaperta l’area giochi appena riqualificata in piazzale Antonio Cantore (giardini Ambrogio Fogar) a Porta Genova.

L’area giochi è stata attrezzata con una nuova struttura gioco inclusiva con rampa, tre giochi a molla e un’altalena con due sedute.

Nei giorni scorsi il perimetro dell’area è stato inoltre seminato e l’erba sta iniziando a crescere.

Bell’intervento, peccato che, aggiungeremmo noi, l’area giochi per i bambini sia completamente sotto il sole rovente, senza un albero che faccia ombra sia la mattina che la sera.

Ci domandiamo perché il Comune non abbia pensato bene di piantare un albero, meglio tre, da creare, una volta cresciuti un po’ d’ombra per quei bambini che andranno a giocare sulle nuove attrezzature.

Tre alberi, non ci sembra uno sforzo così impossibile, no?




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | Porta Genova – L’area giochi di piazzale Cantore… sotto il sole

  1. Adriano

    Ma vaaa, i 3 milioni di alberi li mettono solo fuori dal comune o dentro i parchi…lì non li metteranno mai?!troppo ovvio e facile! Staremo a vedere.
    Immagino che per qualche buonista dovrei essere contento che hanno fatto il parchetto, allora facciamo così ci portino loro figlio, nipote, figlio di amici! Poi ne parliamo, ah ma forse quelli che sono sempre d’accordo con il comune anche quando sbaglia non hanno prole o non conoscono nessuno che fa figli perché loro pensano che il futuro è degli immigrati vero!!!sveglia, o diventeremo come gli indiani d’america!!un po’ di orgoglio, e date l’appalto dei giochi a chi ha figli e sa cosa vuol dire portare un bambino nel parchetto.

    1. Ale

      Sarebbe bello vedere la stessa acidità ed energia quando si parla di auto abbandonate sui marciapied, dove passano gli setssi bamini e anziani che oggi volete difendere dal sole estivo.

    2. Ale

      Dovreste commentare con la stessa convinzione e rabbia anche le auto sui marciapiedi, dove dovrbbero passare le stesse mamme con bambini che volete difendere dal sole… ma in realtà, mischindo l’argomento alberi e stranieri, state solo facendo inutile propganda… dei bimbi nn ve ne frega nulla, sciacalli!

      Ps comune, mettili 3 alberelli, mica possiamo fare un parco utile solo quando non fa caldo! Ne stai piantado tanti a 2 passi da li in pza S.Agostino, facciamo uno sforzo

      1. Anonimo

        Forse il Comune sta aspettando di decidere come risolvere tutta la piazza, che è un pastrocchio assurdo.
        Tra l’altro l’unica piazza di tutta Milano dove recentemente ha allargato le corsie auto anzichè stringerle. Non parliamo poi di ciclabili che da quelle parti sono una chimera.

        Speriamo che dopo Piazzale Loreto, Piazza Lavater e tutti gli altri progetti in corso, si metta mano anche qui che a lavorarci merita perchè lo spazio c’è.

  2. Anonimo

    Quel parchetto non viene mai usato dai bambini, si schiatta dal caldo e ci sono i vecchi che vendono bici usate sempre seduti lì, sotto l’unico albero rimasto.
    Soldi buttati via

  3. Anonimo

    Forse gli alberi sono previsti. Sarebbe utile verificarlo prima e solo poi, eventualmente, polemizzare contro il progetto.
    In tutti i casi questa non è la stagione per piantare alberi.

  4. Andy77

    A volte il comune fa delle scelte incomprensibili.
    Anche vicino casa mia ha realizzato un bellissimo parco con campo da basket, pista da skateboard, giochi per i piccoli ma nessun albero. Il risultato è che d’estate nelle ore più calde nessuno può andarvi pena l’insolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.