"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Lodovica – Campus Bocconi: riqualificazione Gobbi-Sraffa, agosto 2020

Aggiornamento dal cantiere per la riqualificazione delle strade attorno al campus della Bocconi a Porta Lodovica: piazza Angelo Sraffa, via Ulisse Gobbi e via Giuseppe Toniolo. Oramai il cantiere è a buon punto, come si vede dalle seguenti foto che abbiamo raccolto.

Partiamo da via Castelbarco, dove piazza Sraffa comincia.

I lavori pare siano stati completati.

La prima parte ad esser stata completata è quella di via Ulisse Gobbi, sistemata con sampietrini e piccole alberature. Qui si trova anche la chiesa di San Ferdinando. Troviamo molto graziosa la soluzione per proteggere le radici delle piante con la griglia metallica a cerchi.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Porta Lodovica – Campus Bocconi: riqualificazione Gobbi-Sraffa, agosto 2020

  1. paomi

    bene le riqualificazioni ma incomprensibile come, nelle ultime 2 foti pubblicate da Urbanfile, si devono vedere poveri alberi sacrificati in pochissimo spazio, come in piazza Sant’Agostino, piazza San Luigi ed altre zone, per lasciare molto spazio a piastrelle, ciottolato, pavè, ecc?

  2. paomi

    Sinceramente non comprendo il significato che unisce “riqualificazione” con “verde”. E non capisco il senso di questi poveri alberi con radici interrate che già sono presenti in altre piazze e zone riqualificate o in riqualificazione (es. : piazza sant’Agostino, piazza San Luigi, Cordusio, ecc) per lasciare quanto più spazio possibile a piastrelle, ciottolato, pavè … Forse chiedere più spazi per il verde, intesi come spazi concreti, è chiedere troppo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.