"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Navigli – Alberi al posto dell’asfalto in via Torricelli

In zona Navigli, nell’incrocio tra le vie Brunacci e Torricelli oggi, lunedì 16 novembre iniziano i lavori di riqualificazione con nuovo attraversamento pedonale rialzato, realizzazione di aiuole verdi e posa di circa 15 nuovi alberi, compresa una pavimentazione in pietra.

L’obiettivo del Comune, come si è compreso da qualche tempo, è quello di migliorare gli spazi antistanti le scuole per avere più sicurezza stradale, maggiore vivibilità degli spazi con aree pedonali, verdi e possibilmente alberate.

L’intervento di via Torricelli richiederà circa 4 mesi di lavori, pertanto va considerata molta pazienza, soprattutto da parte dei genitori, un sacrificio che permetterà poi di trasformare lo slargo, in asfalto, in una piazza verde e fresca.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Navigli – Alberi al posto dell’asfalto in via Torricelli

  1. ...

    Ottima iniziativa soprattutto perché quella lingua d’asfalto gridava vendetta e non aveva senso.

    Resto comunque dell’idea che i progetti di piantumazione più urgenti vadano fatti all’interno della cerchia dei Navigli che è completamente spoglia di verde e dove d’estate le isole di calore raggiungono temperature sahariane.

    Confido nella riqualificazione delle circonvallazione interna una volta finiti i lavori e rimossi i cantieri della M4. Speriamo che la giunta non si lasci scappare anche questa occasione per rendere più vivibile e respirabile l’aria de centro città.

  2. lisander

    Plaudo all’iniziativa, pero’ non capisco come mai in altri casi analoghi, in presenza di scuole e studenti non si sia proceduto col realizzare manufatti definitivi e di buon gusto come in questo caso; mi riferisco naturalmente alla improbabile e triste urbanistica tattica, di cui fino ad ora la giunta Sala ci ha “deliziato”, mi viene il sospetto che forse vi siano cittadini di seria A e di serie B, o che forse qualche assesore/consulente del comune risieda da quelle parti………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.