"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Barona – The Sign di via Schievano: fine novembre 2020

Aggiornamento fotografico di fine novembre dal cantiere per il complesso terziario di The Sign, i due edifici per uffici in costruzione tra via Schievano, via Santander, via Italo Svevo e via Ernesto Calindri, a due passi dallo IULM e a due passi dall’antico nucleo della Barona con la chiesa dei Santi Nazaro e Celso. 

Il progetto del nuovo complesso costituito da due edifici per uffici (9 e 11 piani ciascuno),un edificio di produzione a 3 piani, e una vasta piazza pedonale e pubblica, per una superficie totale di 20.400 mq è stato sviluppato da Progetto CMR.

Iniziamo l’approccio al complesso da viale Cassala.

Un’occhiata anche al lato del complesso su via Schievano, ancora da cancerizzare. Qui si trova la palazzina anni Trenta dell’ex fonderia Vedani che sarà, a quanto pare, restaurata. Sarà inoltre allargata la nuova piazza che unirà di fatto via Schievano con via Calindri.

Vi portiamo ora in via Calindri, dove si può vedere la palazzina di tre piani e le due “torri”, e dove c’è l’accesso alla piazza pedonale.

Sullo sfondo la chiesa antica della Barona.

Come si vede, uno degli edifici è già stato occupato.

La nuova piazza è arredata con vasi e piante, strisce di verde, panchine, sedute murate e cancellate che la sera vengono chiuse.

Qui è l’area dove sarà ampliata la piazza pedonale che appunto connetterà l’area con via Schievano.

Qui sotto le immagini del complesso visto da via Santander e poi da Piazza Bilbao.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.