"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cascina Merlata – Cantieri R1-R2 Uptown: gennaio 2021

Nuovo aggiornamento di gennaio 2021 dal cantiere di Uptown progettato dello Studio Scandurra, che si trova nel settore R1, 2 e 3 di Cascina Merlata. R3 è stato il primo settore del complesso di Uptown ad essere completato, ed ora seguono i settori R2 e R1. Nel settore R1 e 2 sarà costruita la parte denominata East Uptown.

Nello scorso dicembre era stata alzata la gru per consentire la costruzione della torre più alta.

Qui sotto il terreno preparato per il cantiere di R1.

Il lotto R2 prevede la costruzione di due edifici in linea e di tre torri, di cui una, la più alta, avrà 25 piani.

Ringraziamo Valter Repossi per le foto inviateci.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


12 thoughts on “Milano | Cascina Merlata – Cantieri R1-R2 Uptown: gennaio 2021

  1. Anonimo

    Considerati i precedenti, confido che anche questi palazzi saranno gradevoli.. ma che densità! Mi chiedo se il comune non avrebbe potuto (dovuto?) regolare meglio il piano, garantendo maggiore luce tra gli edifici. Paradossalmente, trovo le costruzioni in edilizia convenzionata meglio posizionate e orientate.. spero di recredemi a lavori ultimati.

    1. Alessio Proietti

      My two cents: possibile che abbiano preferito una maggiore densità ma con parco centrale a una minore concentrazione ma senza parco?

  2. Joe

    Sino d’accordo con te.
    Densità eccessiva e palazzi checsi tolgono aria e luce vicendevolmente. E attorno: praticamente il nulla.

  3. Raniero Avogadro

    Complessi edilizi di tale intensità, in un’area comunque periferica, sono sotto il profilo urbanistico un’ assurdità e c’è da domandarsi se non sarà difficile trovare sufficienti acquirenti

    1. Anonimo

      Mah.. fino a prova contraria al momento sembra essere tutto praticamente sold out sulla carta e le vendite degli ultimi lotti sembrano andare veramente bene. Quartiere nuovo, edifici nuovi, ultime tecnologie, parco verde gia’ esistente, servizi in costruzione,… difficile trovare di meglio attualmente a Milano..

      1. Wf

        Hai ragione.

        Facciamo alla fine tutti il tifo che diventi un bel quartiere con un bel parco per tutti.

        Alla fine ne potranno giovare tutti i vecchi abitanti del gallaratese

    2. Anonimo

      Le nuove costruzioni a Milano si vendono facile.

      Il problema sono i palazzoni di 30/40/50 anni fa, non insonorizzati, con spese altissime e roventi d’estate e gelidi di inverno.

      1. Wf

        Il problema delle abitazioni di Milano è esattamente questo.

        Il 90% delle case sono costruite dimmerda.

        Andrebbero tutte buttate giù e ricostruite.

        Ecco perché il nuovo è così richiesto.

        Oppure uno compra una delle poche case anni 70 e ristruttura completamente

        1. Anonimo

          Concordo!
          Poi chiaramente c’è nuovo e nuovo. Penso che parlando di Cascina Merlata il progetto Uptown sia ampiamente il migliore sulla piazza per svariati punti di vista, rispetto sia a Città Contemporanea che a tutti gli altri lotti e costruttori. La cosa che spero abbiano tenuto conto è la porzione di parco rimanente dopo aver edificato tutti i lotti e i servizi che dovranno arrivare presto.. fermata del passante inclusa!

        2. Anonimo

          Anche quelle degli anni 70 sono generalmente tragiche come isolamento acustico e termico e spese di condominio (soprattutto).

          Molte le salva la posizione, ma in periferia qualcosa di drastico andrà fatto prima o poi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.