"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Genova – Via Vigevano 29: fine febbraio 2021

Prosegue a gran ritmo il piccolo cantiere di via Vigevano 29, il piccolo lotto rimasto da sempre occupato da un magazzino che rendeva la graziosa via Vigevano dentellata in quel punto, dove la cortina dei palazzi ottocenteschi si interrompeva.

La sfida dello studio d’architettura di Marco Galassi è quella di ricucire la cortina ottocentesca della Via Vigevano con un nuovo edificio che riprenda lo stile dell’epoca (così pare).

Il complesso in costruzione si trova a ridosso della chiesa di Santa Maria ai Navigli, e come si vede, la vista sarà spettacolare. Intanto sono stati pubblicati due nuovi rendering.

Navigli, Porta Genova, Via Vigevano, Residenziale


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


7 thoughts on “Milano | Porta Genova – Via Vigevano 29: fine febbraio 2021

  1. Anonimo

    Bello il programma che fa i rendering come fossero un bozzetto a matita. Semplice ed essenziale.
    Non se ne poteva più di dirigibili, ciliegi in fiore, aquiloni e gente felice da pubblicità.

    1. Andrea

      Però ci sono riusciti comunque a mettere un ciclista che pedala nel bel mezzo dello stretto cortile condominiale (???). Peccato che non si riescano a disegnare con la matita le lamentele degli altri condomini ed il classico cartello “le bici vanno portate a mano”. 😀

  2. N

    A me sembra che dalle bozze di disegno ai render c’è una serie di elementi che non combaciano.
    inoltre nel sito stesso dell’architetto non vi è traccia di questi render….
    purtroppo ho paura che non corrispondano al progetto corrente
    (

  3. Est71

    La mortificazione dell’architettura. Milano non ha bisogno di proporre falsi storici per rinnovare il suo patrimonio edilizio. Ci vuole coraggio e creatività

  4. Anonimo

    Su, dai, questo è grazioso e appropriato. Va bene avere un po’ di varietà. Dalle nuove residenze della Bocconi hai l’innovazione, qui hai un modello più tradizionale ma elegante, per rimanere in zona sud est

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.