"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cagnola Certosa – Cantiere Trilogy e Casa Borio: ottobre 2021

Abbiamo messo insieme due cantieri che si trovano lungo via Gallarate. Il primo cantiere è quello per la costruzione delle tre torri di via Gallarate 1, le Trilogy Towers, vicine all’ex Tirassegno della Cagnola di piazzale Accursio (futuro consolato USA). Avviato ad agosto con l’elevazione delle due gru di cantiere, ora, ad ottobre, si iniziano a vedere i primi piani di sue torri.

Trilogy Tower è un iniziativa di Abitare in. Il complesso sarà composto da tre “torri” rispettivamente di 17, 14 e 12 piani, con un’ottima visuale sul nuovo Consolato Usa e il Monte Stella, oltre al panorama verso la città.

L’altro cantiere riguarda il cantiere per la realizzazione del complesso residenziale di Casa Borio, in viale Certosa 135.

Team generale di progetto:
Studio Calzoni Architetti – Milano (progetto architettonico)
B&B Progetti – Milano (progetto esecutivo, cost management e coordinamento in fase esecutiva)
Studio bCinque – Torino (progetto strutturale) 
Technion – Lecco (progetto impiantistico)

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi

Cagnola, via Gallarate, Tirassegno della Cagnola, Portello, piazzale Accursio, Trilogy Tower, Abitare in, Monte Stella, Viale Certosa, Certosa

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Cagnola Certosa – Cantiere Trilogy e Casa Borio: ottobre 2021

  1. te capi

    Siamo degli irrimediabili provinciali. NON si doveva abbattere la cascina e palazzina di Via Gallarate. Il progetto avrebbe dovuto far convivere il vecchio e il nuovo. Gli architetti dovrebbero rifiutarsi di farsi complici di interventi speculativi. Il Poco di antico rimasto andrebbe tutelato… vergogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.