Milano | Vigentino – Symbiosis, cantiere sede Moncler: febbraio 2024

Aggiornamento di febbraio 2024 dal cantiere per il nuovo quartier generale di Moncler nell’area Symbiosis al Vigentino, posta tra via Gargano e via Broni, dove si trova fra l’altro la ciminiera industriale appena restaurata. Il progetto è dello Studio APCV ARCHITECTS e sviluppata da Covivio.

L’edificio è giunto al tetto, lo testimonia la bandiera sistemata in cima al cantiere, nel frattempo sono in corso i lavori per rivestire le facciate a vetro. Nel frattempo nel cantiere stanno montando le strutture per il tetto a shed dell’edificio su Via Gargano che simula la classica copertura ex industriale della zona, ambiente che si coniuga perfettamente con la cisterna dell’acqua e la ciminiera, perfettamente già restaurate prima dell’avvio dei lavori di costruzione.

Milano – VIgentino – Progetto Symbiosis – Via Broni / Viale Ortles / Via Gargano – EDIFICIO G+H > MONCLER (16.200 mq + 18.500 mq) > (ACPV ARCHITECTS)

Referenze fotografiche: Valter Repossi, Massimiliano Tonelli

Porta Romana, Vigentino, Antonio Citterio Patricia Viel, Symbiosis, Covivio, via Gargano, via Quaranta, Viale Ortles,

Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

1 commento su “Milano | Vigentino – Symbiosis, cantiere sede Moncler: febbraio 2024”

  1. Inizialmente ero perplesso accanimento terapeutico sulla ciminiera storica che per me da Milanese zona sud ha sempre rappresentato la Milano della rivoluzione industriale e tutte le volte che passavo di lì per me era come stare in un quadro di Sironi.

    Ora ho superato ogni perplessità perché nonostante avessero fatto piazza pulita di tutto intorno vedere i nuovi corpi di Fabrica con il tetto a Shed come i preesistenti ha dato un senso organico al progetto ed è un recupero del panorama Milanese che ha fatto la storia

    Da parte mia Un grazie e progettisti che si sono spinti fino a quel punto E un grazie agli investitori che hanno avuto la sensibilità di sposare questo concetto

    In qualche modo è stata fatta un’opera di restauro del paesaggio areso grande la città di Milano e l’ha portata sino ad essere contemporanea

    Rispondi

Lascia un commento