"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Arzaga – Via Soderini 59

In Via Soderini 59, quasi all’incrocio con via Primaticcio, al posto di un concessionario chiuso da qualche anno, sta sorgendo una nuova torre residenziale progettata dallo studio Gas Studio, gli stessi che hanno realizzato il palazzo Axa a Garibaldi o il Green Place di Viale Certosa. Si tratta di una bella torre di nove piani rivestita in pietra bruna e modulata dalle finestre sfasate, tanto di moda in questi anni.

2016-04-10_Arzaga_23 2016-04-10_Arzaga_24 2016-04-10_Arzaga_25 2016-04-10_Arzaga_26

Gasworkstudio_Via_Soderini_4 Gasworkstudio_Via_Soderini_3 Gasworkstudio_Via_Soderini_2 Gasworkstudio_Via_Soderini_1

Ecco com’era la via prima della demolizione del concessionario

Via Luigi Soderini_3 Via Luigi Soderini_2 Via Luigi Soderini_1

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | Arzaga – Via Soderini 59

  1. wf

    Non mi dispiace affatto.
    Peccato in questi casi i rendering rendano poco, bisogna vedere il realizzato.
    La moda di questo stile mi ricorda le città immaginarie di hayao Miyazaki di Conan il ragazzo del futuro. Animazione, Giappone, 78.

  2. enrico

    Ottimo rivestimento esterno. Purtroppo credo che a livello abitativo non faccia alcun passo avanti qualitativo. Balconi stretti e poco utilizzabili (cosa me ne faccio?), finestre piccole e strette che creano un senso di chiusura per chi abita all’interno e anche all’esterno trasmettendo quasi un senso di “elemento fortificato” in una società invece aperta e democratica. Non capisco perché questa ossessione al piccolo e stretto… forse per aumentare i guadagni di una speculazione a volte un po’ troppo spinta??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.